Scienze

Gli abiti vibranti che guidano i non vedenti

Sostituiscono gli occhi per "vedere" l'ambiente.

Gli ingegneri della University of Southern California stanno usando i software che aiutano a vedere i robot per aiutare i ciechi a superare gli ostacoli.

Visione da robot - I robot non vedono nel vero senso della parola: un computer analizza e giudica l'ambiente circostante, per mezzo delle videocamere e di un sofisticato sistema di visione che si chiama SLAM: simultaneous localization and mapping. Le due camere inviano le informazioni al software, che ricostruisce un'immagine stereo, comparando le due immagini matematicamente, il sistema costruisce una mappa di cosa c'è intorno. Secondo James Weiland, uno dei ricercatori e ingegnere biomedico alla University of Southern California, è possibile applicare questo software per dare degli input ai non vedenti. Infatti nell'esperimento con il collega Gérard Medioni, un professore di robotica, i soggetti che hanno testato il loro speciale gilet hanno “visto” ed evitato gli ostacoli in numero superiore rispetto a chi non indossava il dispositivo.

Test a ostacoli - In pratica, per testare l'uso della visione robotica come assistenza ai non vedenti, i due ricercatori hanno collegato il sistema di visione del computer a un particolare gilet con due tasche sulla spalla, che all'interno nascondo due piccoli motorini elettrici che emettono vibrazioni. Nel momento in cui il computer riconosce un ostacolo di fronte alla videocamera, avvisa il soggetto che indossa l'apparato con una piccola vibrazione, che indica se spostarsi a destra o sinistra per compiere il tragitto. Dieci dei tester non vedenti che indossavano il gilet sono riusciti a compiere meglio e in meno tempo il particolare percorso a ostacoli progettato dai due ricercatori.

Ecco l'immagine dell'apparato hi-tech

7 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us