Scienze

La misteriosa (e gigantesca) voragine che si è aperta in Cile

Nel centro-nord del Cile, all'improvviso, si è aperta una voragine così grande che potrebbe contenere un grattacielo. Vicino c'è una miniera, ma forse le cause dell'evento sono naturali.

Da qualche giorno si è aperta una gigantesca voragine in Cile, vicino alla città di Tierra Amarilla, nella regione di Atacama, presso la miniera di rame Minera Ojos del Salado. La voragine, il cui primo avvistamento, secondo quanto riportato dal Servizio nazionale cileno di geologia e miniere (Sernageomin), risalirebbe al 30 luglio scorso, sarebbe profonda 200 metri circa e larga circa 30: la Mole Antonelliana di Torino, per capirci, ci starebbe comodamente in altezza (è solo un po' più larga).

L'apertura di questa voragine – che ha interessato una proprietà agricola – non ha per fortuna creato danni a persone o a strutture, ma ha ovviamente creato preoccupazione tra coloro che abitano nelle vicinanze della miniera: il timore è che un evento del genere possa interessare, in futuro, un luogo abitato, con scuole, abitazioni ecc.

Il sospetto. Queste cavità possono formarsi per diverse ragioni, ma in genere sono prodotte dal crollo del soffitto di un sistema di grotte sotterranee. Spesso ciò accade in modo naturale a causa dell'acqua piovana, leggermente acida, che erode il materiale dal tetto di roccia solubile, provocando il cedimento del soffitto stesso. Alcuni residenti del comune di Tierra Amarilla sospettano che le operazioni minerarie locali possano avere giocato un ruol nel crollo, ma questo non è stato dimostrato.

La società che detiene la maggioranza della proprietà della miniera, la canadese Lundin Mining, non ha voluto commentare l'accaduto, né ha fornito ipotesi sulle possibili cause, limitandosi a precisare che si stavano prendendo misure precauzionali e che tutto è sotto controllo. 

3 agosto 2022 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us