Scienze

Serpenti, ma nessun genio nel Pozzo dell'Inferno

Yemen, Pozzo dell'Inferno: la prima spedizione nota all'interno del Pozzo di Barhout (o dell'Inferno) non ha rivelato la presenza di folletti, geni o altri demoni.

Non senza reverenziale timore una squadra di speleologi dell'Oman ha condotto quella che si ritiene essere la prima discesa controllata sul fondo del leggendario Pozzo di Barhout (o Pozzo dell'Inferno), nello Yemen, una meraviglia naturale evitata dai locali, che credono sia una prigione per jinn (folletti, geni). Il sinistro Pozzo dell'Inferno, la cui apertura circolare ha un diametro di circa 30 metri, si trova nel deserto della provincia orientale di Al-Mahra, nello Yemen: l'apertura, che secondo molti emana strani odori, sprofonda per circa 112 metri sotto la superficie.

Sul fondo del pozzo il gruppo di speleologi, che fa parte dell'Oman Cave Exploration Team (OCET), ha trovato serpenti, animali morti e strutture tipiche delle grotte, ma nessun segno di paranormale. Racconta Mohammed al-Kindi, professore di geologia presso l'Università tedesca di tecnologia in Oman: «Abbiamo trovato serpenti... ma non davano alcun fastidio, a meno che non li si disturbasse. Scendere là sotto, nonostante quel che raccontano le leggende, non è stato difficile: ci ha spinti la passione per la geologia, e siamo convinti che è un qualcosa che ci racconterà nuovi frammenti della storia geologica dello Yemen». Sul fondo sono stati raccolti numerosi reperti di rocce, di vegetali e di animali, e non appena sarà possibile verrà pubblicato uno studio su ciò che ha trovato la spedizione.

5 ottobre 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us