Fusione fredda: il Nobel per la fisica Brian Josephson parla dell'E-Cat di Rossi e Focardi

Fusione fredda: il Nobel per la fisica Brian Josephson parla dell'E-Cat, l'invenzione di Andrea Rossi che potrebbe cambiare il mondo.

FUSIONE FREDDA
Il Nobel per la fisica Brian Josephson parla dell'E-Cat di Rossi e Focardi

 
L'E-Cat, il catalizzatore di energia inventato da Andrea Rossi, ha riacceso il dibattito ormai più che ventennale sulla fusione fredda. In questo video - che abbiamo sottotitolato in italiano - Brian Josephson, Premio Nobel 1973 per la Fisica, e Judith Driscoll (docente di Scienza dei Materiali all'Università di Cambridge) discutono dell'invenzione che potrebbe cambiare il mondo.
Se non dovessero essere subito visibili i sottotitoli in italiano cliccate sul piccolo pulsante "CC" e selezionate la lingua. Il dibattito inizia e si conclude con due testi che scorrono e che per semplicità di lettura riportiamo qui sotto come "premessa" e "conclusioni".
 
PREMESSA  Questo video è una risposta al silenzio assordante della comunità scientifica e dei media intorno a quella che potrebbe essere la più importante scoperta tecnologica dell'ultimo secolo. Se è vero che il progetto termonucleare ITER potrebbe essere in grado di portare alla produzione di energia nel giro di alcune decadi, i generatori basati sul dispositivo di Rossi (di cui è stata data pubblica dimostrazione in gennaio) sono già in costruzione. Nella seguente intervista vengono discussi alcuni tra gli aspetti più controversi di questa storia.
 
CONCLUSIONI Per coloro che sanno che la cattiva fama della fusione fredda è effetto della propaganda più che di una effettiva valutazione delle prove, le dichiarazioni di Rossi non sono una vera sorpresa. Se è vero che ci sono molti fattori che potrebbero influenzare la misurazione del calore, fino a oggi non è stato trovato nulla in grado di mettere in discussione la presenza di reazioni nucleari. Entro la fine dell'anno la situazione sarà più chiara: per allora, o Rossi avrà costruito un reattore in grado di generare 1 megawatt di energia, come promesso, oppure saranno emerse difficoltà molto serie. Nel primo caso, la gente dovrebbe iniziare a svegliarsi e capire che una tecnologia come questa sarà molto presto in grado di contribuire significativamente alla risoluzione del problema energetico globale. La NASA, a giudicare dall'intervento di Bushnell, potrebbe essere già arrivata a questa conclusione. Sfortunatamente, sembra che la reazione generale sia più "annoiata".
 
Nel sito di Focus.it trovate anche:
# Un'intervista esclusiva di Focus.it a Brian Josephson: lo scienziato risponde a nuove domande e aggiunge alcuni dettagli alla discussione con Judith Driscoll.
# L'intervista rilasciata a EV World da Dennis Bushnell, responsabile della ricerca al Nasa Langley Research Center, citata da Josephson e nell'articolo che Focus 226 ha dedicato alla fusione fredda di Rossi.
# Altri video e articoli sulla fusione fredda.
20 Luglio 2011