Scienze

Funghi: ultimi a morire

Gli unici sopravvissuti all'estinzione della vita sulla Terra risalente a 65 milioni di anni fa sarebbero dei funghi primordiali.

Funghi: ultimi a morire
Gli unici sopravvissuti all'estinzione della vita sulla Terra risalente a 65 milioni di anni fa sarebbero dei funghi primordiali.

L'immagine al microscopio svela la presenza di spore di funghi nello strato di roccia prelevato presso la miniera Moody Creek in Nuova Zelanda. Clicca qui per ingrandire l'immagine. © Science
L'immagine al microscopio svela la presenza di spore di funghi nello strato di roccia prelevato presso la miniera Moody Creek in Nuova Zelanda. Clicca qui per ingrandire l'immagine. © Science

Che sia stato per l'impatto di un meteorite o altro, la vita sulla Terra fu spazzata via 65 milioni di anni fa, nel passaggio fra i periodi del Cretaceo e del Terziario: dinosauri e altri animali si estinserono; piante e altri vegetali scomparvero per un lungo periodo di tempo. Se si immagina un'atmosfera buia, fitta di polvere e zolfo impossibili da oltrepassare per la luce, si può capire come non siano sopravvissute forme di vita animale né piante verdi che dalla fotosintesi clorofilliana derivano la propria linfa vitale.
Secondo una recente ricerca pubblicata sulla rivista Science, non tutto andò perduto. Non scomparvero infatti i funghi, vegetali privi di clorofilla, perciò incapaci di effettuare la fotosintesi, e inoltre capaci di trarre nutrimento da sostanze organiche non viventi. Caratteristiche fondamentali che ne avrebbero dunque consentito la sopravvivenza.
Roccia parla. Alcuni ricercatori, lo svedese Vivi Vajda e l'australiano Stephen McLoughlin, hanno cercato nelle diverse stratificazioni di un filone di carbone della Nuova Zelanda le risposte sull'evoluzione della vita in questo delicato passaggio della storia della Terra. Nello strato più profondo della roccia presa in esame, risalente al periodo precedente all'estinzione, ci sono tracce di granuli di polline proveniente da piante. Quello intermedio contiene invece unicamente spore e residui di antichi funghi: uno strato piuttosto sottile, questo, che testimonia un periodo di durata breve, durante il quale le uniche forme di vita sopravvissute sarebbero state appunto funghi. Presente in questo strato anche l'iridio, raro sulla superficie terrestre e più comune su comete e asteroidi: un particolare che avvalorerebbe la tesi dell'impatto del meteorite. La crosta superficiale documenta infine la ricomparsa di piante verdi in particolari di felci, le prime a rispuntare nel panorama desolato del dopo-estinzione.

(Notizia aggiornata al 9 marzo 2004)

4 marzo 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us