Scienze

Quando le balene avevano quattro zampe

I resti fossili di un antenato terrestre dei moderni cetacei raccontano la storia evolutiva di questi animali e le loro antiche abitudini alimentari.

I cetacei, rappresentati da balene, delfini, capodogli, orche e simili, sono fra gli esempi più straordinari delle metamorfosi che provoca l'evoluzione: in 10 milioni di anni, a partire da circa 50 milioni di anni fa, creature terrestri erbivore, di taglia media e simili a cervidi, si sono trasformate in mammiferi carnivori a forma di pesci, lunghi anche 20 metri - come la balenottera comune (Balaenoptera physalus). Le balene, prima di sviluppare i fanoni per filtrare il plancton, avevano denti per ghermire le prede, e prima ancora erano mammiferi semi acquatici, buoni nuotatori in grado di effettuare lunghe traversate, ma anche di continuare a camminare sulla terraferma.

Fossile della transizione. Uno degli anelli di congiunzione del processo evolutivo dei cetacei è stato trovato in Egitto, nella depressione di Fayum. Si tratta dei resti fossili di un animale anfibio a 4 zampe che doveva essere lungo 3 metri e pesante 600 chili, denominato Phiomicetus anubis, la cui descrizione è apparsa su Proceedings the Royal Society B.

Egitto: la depressionione di Fayum e il punto in cui è stato trovato il Phiomicetus anubis.
Egitto: la depressionione di Fayum e il punto in cui è stato trovato il Phiomicetus anubis. © Royal Society

Non è la prima volta che viene trovato un antenato dei moderni cetacei, un arcoceto (della famiglia Protocetidae in questo caso), e di solito erano Pakistan e India a restituirne i resti. Ma ora questo esemplare vissuto 43 milioni di anni fa dimostra, con il suo cranio dotato di mandibola molto sviluppata e denti acuminati, che la specializzazione nella predazione si era già affermata in una forma semi acquatica ben prima che la struttura affusolata, a pesce, venisse acquisita. «Le caratteristiche uniche del cranio e della mandibola del Phiomicetus rendono l'idea delle capacità meccaniche della bocca, a dimostrazione di un marcato stile predatorio», spiegano gli autori dello studio dell'Università egiziana di Mansoura, diretti dal paleontologo Abdullah Gohar.

Come una chimera. Il Phiomicetus aveva ancora quattro zampe diritte, ma palmate, la forma del tronco che ricorda quella di un ippopotamo "dimagrito" e una testa da coccodrillo. Nel trovargli un nome, i ricercatori hanno anche considerato che il muso allungato potesse assomigliare a quello del dio sciacallo degli egizi, Anubis, e da qui il nome di Phiomicetus anubis. Le sue abitudini strettamente carnivore dimostrano che gli antenati dei moderni cetacei iniziarono ad adattarsi al mare principalmente per trovare prede, che sulla terraferma potevano scarseggiare.

Lato destro della mandibola della nuova specie fossile descritta, con denti da carnivoro.
Lato destro della mandibola della nuova specie fossile descritta, con denti da carnivoro. © Royal Society

Per gli ippopotami, anche loro discendenti da primitivi artiodattili (ossia con arti che poggiano su due dita, in genere munite di zoccolo), fu invece più determinante la possibilità di sfuggire in acqua ai predatori terrestri, aggiungendo piante dei fondali alla dieta erbivora e continuando comunque a pascolare di notte all'asciutto.

Anche questo nuovo "cetaceo di mezzo", il primo Protocetidae ritrovato in Egitto, trascorreva ancora del tempo a terra, camminando. Poi il processo evolutivo dei cetacei andò avanti, con la riduzione delle zampe posteriori a piccole ossa vestigiali contenute nei muscoli del corpo affusolato e non più collegate alla spina dorsale, lo sviluppo di una grande coda con pinna caudale orizzontale, la trasformazione delle zampe anteriori in pinne pettorali, e lo spostamento delle narici dal muso alla volta cranica, a formare lo sfiatatoio.

13 settembre 2021 Franco Capone
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us