Scienze

Il più antico fossile di insetto impollinatore intrappolato nell'ambra

In una goccia d'ambra è stato ritrovato un coleottero ricoperto del polline di una pianta da fiore: risale a 99 milioni di anni fa, quando nel cielo volavano gli pterodattili, ed è la più antica prova diretta di impollinazione mediante insetti.

Un coleottero rimasto intrappolato nell'ambra poco dopo un banchetto a base di polline è la più antica prova diretta di impollinazione entomogama o entomofila (cioè portata avanti dagli insetti) sulle piante da fiore. Il fossile, che risale a 99 milioni di anni fa, è stato ritrovato nel 2012 in una miniera del nord del Myanmar, e ha avuto una lunga "vita in scaffale" prima che Bo Wang, scienziato esperto di frammenti di ambra del Nanjing Institute of Geology and Palaeontology, e David Dilcher, Professore emerito di Scienze della Terra e atmosferiche all'Università dell'Indiana di Bloomington, si accorgessero che conteneva qualcosa di speciale.

Il coleottero A. burmitina (il più grande tra i due insetti) in una goccia d'ambra. © Photo by the Nanjing Institute of Geology and Palaeontology

Adattamento reciproco. L'insetto al suo interno - una nuova specie, ribattezzata Angimordella burmitina - mostrava infatti un corpo ricurvo e un capo munito di appendici boccali per raccogliere e trasportare il polline.

Osservazioni più ravvicinate hanno mostrato che, in effetti, il suo corpo era in buona parte ricoperto di polline: grazie alla microscopia laser confocale, una tecnica di analisi dei tessuti, ne sono stati individuati 62 granuli sparsi nella peluria di torace, addome e zampe dell'animale.

I pollini appartengono a una pianta del gruppo delle Eudicotiledoni, tra le più comuni piante da fiore, anche se non è chiaro a quale specie. Soprattutto, i granuli sembrano avere una forma, un aspetto e una capacità di aggregazione ideali per essere trasportati dagli insetti. Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Colpo di fortuna. Trovare un fossile che preservi sia un impollinatore, sia il suo bottino di polline è una circostanza estremamente rara, e il reperto birmano sposta la più antica prova lampante di questa forma di trasporto indietro di 50 milioni di anni: finora le prove più primitive di impollinatori all'opera risalivano all'Eocene medio (41-48 milioni di anni fa). Le prove indirette impollinazione, come i fossili di insetti dall'apparato succhiante molto sviluppato, sono invece anche molto più antiche.

«Oltre a rappresentare la più antica evidenza diretta di impollinazione entomofila di piante da fiore - chiarisce Dilcher - questo reperto illustra perfettamente l'evoluzione cooperativa di piante e animali in un periodo caratterizzato da una vera esposizione delle piante da fiore».

19 novembre 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us