Scienze

FBI contro Wikipedia

Cos'ha fatto l'enciclopedia per fare infuriare il Bureau?

Cos’avrà mai fatto l’enciclopedia più libera del web per mandare su tutte le furie il Federal Bureau of Investigation? Staranno attentando alla lingua degli Stati Uniti? Preparando una bomba di parole da sganciare sulla Casa Bianca? Offrendo rifugio a qualche pericoloso criminale sulle loro pagine web?

“Se non rimuovete il logo dell’FBI ci vediamo in tribunale!”

Logo del contendere – Niente di tutto questo. L’FBI, a luglio, ha mandato una lettera a Wikimedia Foundation - l'organizzazione internazionale no-profit proprietaria di Wikipedia – per chiedere ufficialmente la rimozione del suo logo dalle pagine dell’enciclopedia. La richiesta era accompagnata da una minaccia, neanche tanto velata, che prospettava azioni legali se l’enciclopedia non si fosse data una smossa per farla sparire.

Accusa di contraffazione – I responsabili di Wikipedia sono rimasti di stucco, non tanto per la richiesta quanto per la legge citata dal Bureau nella lettera che riguarda l’uso del logo per la contraffazione dei tesserini e a fini di lucro, che non è ovviamente l’intento dell’enciclopedia. Tra l’altro, fa notare Wikimedia Foundation, il logo dell’FBI è pubblicato su numerosi siti non commerciali, tra cui la versione online dell’Enciclopedia Britannica.

E adesso? – Wikipedia non ha alcuna intenzione di rimuovere il logo dal sito e Michael Godwin, avvocato di Wikimedia Foundation, è già pronto a dar battaglia in Tribunale. William Carter, portavoce del Federal Bureau of Investigation, invece, fa leggermente marcia indietro dicendo che l’invio della lettera è una prassi normale… il loro ufficio legale ne spedisce ogni tanto qualcuna quando gli gira. E aggiunge anche che, la pubblicazione del logo è possibile solo previa autorizzazione del direttore dell’FBI.

I signori del web. Guarda la gallery!

3 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us