Scienze

Facebook vuole leggerci nel pensiero?

In un futuro non troppo lontano potremmo essere in grado di scrivere un post su Facebook senza usare la tastiera né la voce, ma solo il pensiero. Ma che conseguenze avrebbe, un sistema del genere, sulla nostra privacy?
 

Sono passati più di due anni dalla conferenza F8, durante la quale Facebook aveva annunciato l’arrivo, in un futuro indefinito, di un misterioso dispositivo in grado di interpretare i segnali della nostra mente e permetterci di scrivere 100 parole al minuto senza toccare la tastiera. In un articolo scientifico pubblicato su Nature, l’Università della California conferma che quell’apparecchio sta davvero prendendo forma, grazie alla ricerca finanziata dal celebre social network e portata avanti da diverse università statunitensi.

Italia all’avanguardia. Gli esperti statunitensi, attraverso l’utilizzo di elettrodi, hanno analizzato i tracciati elettrocorticografici (cioè le registrazioni dell’attività elettrica spontanea che avviene nella corteccia cerebrale), riuscendo a intendere le parole pensate dai volontari senza che questi le pronunciassero. Uno studio italiano di qualche anno fa aveva già preannunciato la possibilità di “leggere nel pensiero”, ma ora ciò che era solo teoria sembra si stia trasformando in pratica.

Per ora l’operazione risulterebbe troppo invasiva e richiederebbe un intervento neurochirurgico. Per il futuro, però, Facebook ha l'obiettivo di creare un dispositivo indossabile che permetta agli utenti di cambiare canzone o interagire con la realtà virtuale utilizzando semplicemente i propri pensieri. Niente elettrodi, dunque, ma fibre ottiche o laser per misurare i cambiamenti dei livelli di certi parametri nel sangue. Stando a quanto afferma la multinazionale, un primo prototipo del dispositivo potrebbe essere pronto già per fine anno.

Privacy addio? Ma siamo sicuri di desiderare un apparecchio capace di vedere i nostri pensieri (seppur, teoricamente, solo quando lo vogliamo noi)? È il dubbio che è sorto a Nita Farahany, professoressa specializzata in neuroetica alla Duke University (USA): «Credo che la mente sia un luogo sicuro, dove vige la libertà di pensiero, di fantasia, di dissenso», ha dichiarato l’esperta. «Ci stiamo avvicinando al punto di non ritorno: in assenza di protezioni, la nostra privacy potrebbe venire seriamente compromessa».

«I dati contenuti nel nostro cervello sono ricchi di informazioni sensibili, la preoccupazione è giustificata», concorda Marcello Ienca, ricercatore di interfacce neurali dell’ETH di Zurigo. Per ora Facebook, rassicura: «Prendiamo molto sul serio la privacy», ha affermato Mark Chevillet, direttore della ricerca del Facebook Reality Labs. C'è da fidarsi?

8 agosto 2019 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us