Scienze

Facebook mette il copyright sulla parola Face

Copyright sulla parola inglese "Face".

Facebook è talmente usato, amato e apprezzato da essere profanamente ritenuto un bene comune. E invece non bisognerebbe mai dimenticare che è e rimane un'azienda privata, come ribadisce l'ultima notizia.

“Se usi la parola face in un programma, devi pagare Zuckerberg”

Inedito Copyright - Per molto tempo Facebook ha provato a registrare, come suo marchio, un vocabolo di uso comune: la parola "face". Ora l'ufficio dei brevetti americano ha deciso di garantire l'uso esclusivo da parte del social network, nell'ambito delle applicazioni.

L'antefatto - Bisogna fare un passo indietro nel tempo: Facebook ha preso l'intenzione di registrare il sostantivo per via di un sito chiamato Faceparty.com, che è di Aaron Greenspan, l'ex-amico che ha portato in giudizio il capo di Facebook, Mark Zuckerberg, per la creazione dello stesso social network, come sa chi ha visto il film di David Fincher.

La nota dell'ufficio registri - Fino a che Facebook paga la tassa di utilizzo, il sito social più noto del mondo ha legalmente il diritto di usare la parola "face" come marchio registrato, nei casi in cui sia riferita, come riporta la burocratica nota dell'ufficio brevetti, a servizi di telecomunicazioni, nomi di servizi online, chat online, bollettini elettronici per la trasmissione di messaggi tra computer e utenti, nel campo di interesse generale e concernenti argomenti sociali e di intrattenimento.

Cosa vuol dire - In pratica significa che se qualcuno decidesse di creare un nuovo sito o un nuovo servizio online con un nome come FaceMeet, FacePeople o simili, dovrebbe pagare i diritti a Mark Zuckerberg. Il porre la propria bandierina commerciale, anche se solo nel mondo digitale, su qualcosa che è considerato comune e di tutti non è certo una novità: da molti anni Apple detiene il marchio registrato “chicago” per un suo carattere per computer.

Pericolo per l'umanità? - Come ha recentemente illustrato in un bell'articolo in uscita sul numero di dicembre di Scientific American il creatore del Web, Sir Berners-Lee, a vent'anni dalla sua invenzione il World Wide Web è diventato una preda per i profitti delle aziende. Il papà del Web nel 1990 non sospettava che i futuri grandi gruppi fagocitassero la sua invenzione: “l'obiettivo del Web consiste nel servire l'umanità. Lo abbiamo costruito cosicché chi verrà dopo possa creare cose che non eravamo in grado neanche di immaginare, quindi sviluppatori Web, aziende, governi e cittadini dovrebbero lavorare insieme in modo aperto e cooperativo per preservare i principi fondamentali del Web”.

E non solo per poter fatturare.

Ecco le 10 applicazioni più cool per Facebook

24 novembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us