L’evoluzione può tornare indietro?

I serpenti potrebbero riacquistare le zampe? E gli uccelli i denti? È molto, molto improbabile. praticamente impossibile.  Un'anteprima del nuovo numero di Focus Domande & Risposte.

evoluzione
Le strutture genetiche originarie non possono essere recuperate.

Se per “tornare indietro” intendiamo l’esatta ricostruzione di strutture o comportamenti di antenati delle specie viventi, la risposta è no. C’è anche una “legge” sull’argomento, definita dal biologo belga Louis Dollo nel 1893: una volta che con l’evoluzione un organo è scomparso, una specie (e quindi anche le specie discendenti) non può più ricostruirlo [Legge dell"irreversibilità dell'evoluzione" o legge di Dollo].

CROMOSOMI. Anche alla luce delle moderne conoscenze genetiche non è possibile ipotizzare imponenti “marce indietro”. Potrebbe essere ricostruita una struttura genetica originaria solo dopo cambiamenti minimi, come la sostituzione di un singolo nucleotide, una “lettera” del Dna; ma se i cambiamenti tra un organismo e i suoi discendenti implicano modifiche radicali (come la perdita o la fusione di uno o più cromosomi) non si può tornare indietro.

 

I rari esempi in cui un organismo sembra riguadagnare organi perduti coinvolgono, nella maggior parte dei casi, geni “silenti” (cioè temporaneamente inattivi) che ritornano in azione.

 

Così per serpenti e balene è praticamente impossibile riacquistare le zampe perdute, come per gli uccelli riguadagnare i denti, presenti nei loro antenati dinosauri teropodi (come il Velociraptor).


È in edicola Focus Domande&Risposte - the Best of, che raccoglie tutte le D&R che dal 2004 ad oggi che vi sono piaciute di più! Sfoglia l'anteprima

 

 

28 Novembre 2017