Scienze

Gli eventi che portarono alla più grave estinzione di massa della storia

Ricostruiti i processi alla base dell'estinzione di massa che, 252 milioni di anni fa, ha spazzato via i tre quarti delle specie viventi dal Pianeta.

Circa 252 milioni di anni fa la vita sulla Terra subì una brusca inversione di marcia che spazzò via i tre quarti delle specie terrestri e il 95% di quelle marine: quella che è nota come estinzione di massa del Permiano-Triassico riavvolse all'indietro il nastro della vita, di ecosistemi già ampiamente sviluppati e ricchi di biodiversità. Un evento globale, finale drammatico di una sequenza di eventi mai compresa fino in fondo, almeno finora.

Tra le cause della Grande Morìa, come viene talvolta chiamato l'evento, ci sono alcuni catastrofici eventi eruttivi avvenuti dove oggi c'è la Siberia, o anche l'ingente rilascio di metano dal pavimento oceanico. Ora uno studio pubblicato su Nature Geoscience, a cui hanno preso parte anche ricercatori italiani, ricostruisce la catena di disastri che portarono all'estinzione di fine Permiano e fa luce sulla sua causa iniziale.

La biblioteca degli oceani. La ricerca è stata coordinata dagli scienziati tedeschi del GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel e dell'Helmholtz Centre Potsdam GFZ German Research Centre for Geosciences, e ha visto la partecipazione dei ricercatori dell'Università di Ferrara e dell'Università Statale di Milano. Il team ha analizzato un importante archivio ambientale: la conchiglia di brachiopodi fossili, invertebrati marini simili a bivalvi che hanno popolato i fondali oceanici per 500 milioni di anni, registrando nei loro gusci le oscillazioni chimiche del loro ecosistema. 

In particolare sono stati studiati i fossili di brachiopodi su affioramenti di rocce delle Dolomiti, che 252 milioni di anni fa giacevano sul fondale dell'Oceano Tetide, e che hanno registrato le condizioni ambientali a ridosso dell'inizio dell'estinzione. Applicando un nuovo metodo di analisi di due isotopi (boro e carbonio) sulle loro conchiglie, è stato possibile ricostruire l'antico pH oceanico.

La causa ufficiale. «Il pH delle acque marine è un ottimo indicatore delle condizioni ambientali. Non solo fornisce informazioni sull'acidità delle acque, che ha un forte impatto sugli organismi marini, ma, poiché dipende dalla quantità di CO2 disciolta nelle acque, permette di ricostruire le variazioni di anidride carbonica nell'atmosfera nel tempo», ha spiegato Hana Jurikova, prima firmataria dello studio. L'analisi di questo parametro ha permesso di risalire alla quantità di emissioni e anche di ricondurle con precisione all'immensa attività vulcanica in quella che è oggi la Siberia.

Disastri a catena. Grazie a un modello computerizzato estremamente sofisticato, capace di simulare i processi che avvenivano sulla Terra alla fine del Permiano, è stata poi ricostruita la catena di eventi che portò all'estinzione di buona parte della vita.

L'iniezione di grandi quantità di CO2 in atmosfera con l'acidificazione delle acque fu già da subito fatale per gli organismi marini calcificanti (quelli che producono carbonato di calcio, come coralli e molluschi); ma determinò anche un innalzamento delle temperature globali causato dall'effetto serra e, quindi, cambiamenti decisivi nei processi di alterazione delle terre emerse.

Nel corso di migliaia di anni, i prodotti dell'erosione del suolo si riversarono in fiumi e oceani, modificando il ciclo dei nutrienti nei mari che diventarono troppo ricchi di nutrienti. Il risultato fu l'impoverimento di ossigeno nelle acque (anossia), che decimò anche gli ultimi organismi sopravvissuti.

5 novembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us