Scienze

Esperimento trasforma i sogni in videoclip

È una tecnologia in fase di sviluppo all'Università di Berkeley.

Gli scienziati all’Università di Berkeley hanno sviluppato un sistema in grado di catturare l’attività visiva del cervello umano e ricostruirla in un video digitale. In pratica il processo sarebbe in grado di visualizzare i nostri sogni e tutto ciò che “vediamo” all’interno della mente.

“I video non vinceranno ancora l'Oscar, ma il potenziale è notevole”

Film nella testa - Il Professor Jack Gallant - neuroscienziato alla UC Berkeley e autore della ricerca pubblicata sul giornale Current Biology - spiega così la ricerca condotta dal suo team: "è un gran passo verso la ricostruzione delle immagini e stiamo aprendo una finestra sui film che si proiettano nelle nostre menti”.

Procedimento complesso – Nell’esperimento californiano gli scienziati hanno usato un sistema a risonanza magnetica che ha registrato il flusso sanguigno del cervello all’interno della corteccia visiva, nei momenti in cui i soggetti guardavano due differenti gruppi di trailer cinematografici.

Programma che ricrea - Le diverse letture sono state inserite in un programma che ha poi suddiviso diviso i dati in pixel tridimensionali chiamati voxels, ovvero pixel volumetrici. Il computer, tramite questo processo, individua e decodifica i segnali del cervello generati dalle immagini in movimento, collegando la forma e l’azione delle informazioni con specifiche azioni all’interno del cervello.

Pezzi di Youtube - Il computer ha cercato, in un secondo momento, di ricostruire i video che erano stati visionati dai soggetti, analizzando 18 milioni di secondi di video su YouTube e costruendo un database di potenziale attività cerebrale che corrisponde a ogni videoclip. Il software ha preso un centinaio di clip che causano attività celebrale simile a quella registrata nei soggetti durante la visione dei trailer e li ha poi combinate in un unico unico filmato.

Prima visione - Al momento il risultato non è certo un film che vincerà l’Oscar, ma in ogni caso il potenziale della scoperta scientifica è notevole. L’esperienza visiva umana è naturale e in futuro si potrebbe ricostruire la memoria visiva, ma anche i ricordi e i sogni, in un video da guardare sullo schermo in compagnia. (sp)

Niccolò Fantini

23 settembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us