Scienze

Elon Musk e Neuralink

Che cosa sta facendo Elon Musk con Neuralink, società nata con lo scopo di collegare cervello umano e intelligenza artificiale.

Elon Musk torna a parlare di Neuralink, la start-up da lui fondata nel 2016 con l'obiettivo di realizzare un sistema (una interfaccia) per collegare il cervello umano a un computer - con lo scopo dichiarato di volere utilizzare l'elettronica per sostituire funzioni cerebrali compromesse da traumi o malattie neurodegenerative. Per l'occasione Musk ha presentato i suoi due involontari volontari, Dorothy e Gertrude, due maialine che contribuiscono attivamente alla sperimentazione.

L'uomo computer

Collegare il cervello all'intelligenza artificiale: sicuri che sia una buona idea?

© © Michel Royon / Wikimedia Commons

Maiali connessi. Gertrude in particolare è stata la vera protagonista dell'evento: ha infatti ricevuto, un paio di mesi fa, l'ultima versione dell'interfaccia Neuralink, un microprocessore che le è stato impiantato dietro l'orecchio e che è in grado di leggere i segnali elettrici emessi dal cervello.

 

Il chip, chiamato N1, è grande come una moneta e ha dei sottili elettrodi connessi alla superficie del cervello. Un sistema di trasmissione wireless consente di collegarlo a computer e apparecchiature elettroniche varie. Il chip funziona: nella dimostrazione ha rilevato picchi di attività quando Gertrude veniva esposta a vari stimoli, dal cibo ai suoi giocattoli preferiti.

 

Le interfacce cervello computer non sono una novità, ma quelle realizzate finora sono ingombranti, se richiedono impianti necessitano di interventi chirurgici lunghi e complessi, e con tutto ciò hanno comunque capacità limitate. Vengono utilizzate per intercettare e correggere gli impulsi elettrici emessi dal cervello ed aiutare così i pazienti affetti da malattie come il morbo di Parkinson.

Neuralink: il test sui maiali
L'attività cerebrale di Gertrude rilevata dal chip N1 di Neuralink. © Neuralink

Piccolo e potente. Obiettivo di Neuralink è quello di arrivare a un dispositivo piccolo, compatto e potente, che possa essere impiantato con un intervento il più semplice possibile e automatizzato. A tale scopo Musk ha presentato la prima versione di un robot chirurgo in grado di impiantare Neuralink in meno di un'ora in totale autonomia, permettendo al paziente di tornare a casa nel giro di poche ore.

 

L'ultima versione di Neuralink, quella usata su Gertrude e Dorothy, è circa 100 volte più potente del miglior dispositivo oggi disponibile: ha un diametro di soli 23 mm e può essere impiantata al posto di un pezzettino di scatola cranica. È alimentata da una piccola batteria che può essere ricaricata in modalità wireless come quella di uno smartwatch.

 

Il robot chirurgo di Neuralink.
Il robot chirurgo di Neuralink. © Neuralink

Il futuro è cyborg. L'obiettivo di Musk non è solo quello di utilizzare Neuralink in campo medico: l'imprenditore ha più volte ribadito la sua paura nei confronti dell'intelligenza artificiale, che secondo le sue stime tra qualche anno potrebbe sviluppare capacità superiori a quelle umane e andare così fuori controllo.

In prospettiva, Neuralink dovrebbe permettere una "fusione cerebrale" uomo macchina e consentire al genere umano di rimanere sempre un passo avanti rispetto alle capacità dell'elettronica.

3 settembre 2020 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us