Scienze

L'astrofisica in soccorso delle specie a rischio

I software sviluppati per interpretare le foto di stelle e galassie saranno sfruttati per analizzare le immagini agli infrarossi delle popolazioni animali minacciate di estinzione.

Dalle stelle alle foreste, o ad altri ecosistemi: una collaborazione tra astrofisici ed ecologi promette di aiutare le specie animali minacciate dalla perdita dell'habitat e dal bracconaggio. I software abitualmente utilizzati per l'interpretazione delle immagini astronomiche possono essere applicati alle riprese nell'infrarosso effettuate dai droni usati in operazioni di monitoraggio a salvaguardia della biodiversità. Il progetto è stato presentato alla European Week of Astronomy and Space Science (EWASS) in corso (3-6 aprile 2018) a Liverpool, nel Regno Unito.

«Con le telecamere termiche infrarosse possiamo facilmente vedere gli animali grazie al loro calore corporeo - di giorno o di notte, persino quando sono mimetizzati nel loro habitat naturale», spiega Claire Burke, della Liverpool John Moores University. «Poiché nelle immagini termiche gli animali e gli umani "brillano" allo stesso modo di stelle e galassie, siamo riusciti a combinare l'esperienza tecnica degli astronomi con le conoscenze degli ecologi per sviluppare un sistema che ci metta in grado di localizzare animali e bracconieri.»

Le riprese infrarosse di alcuni rinoceronti catturate da un drone. Un conto è acquisire le immagini, un altro è saperle interpretare: in questo compito ci viene in soccorso l'intelligenza artificiale. Sei droni che fanno qualcosa di buono © Endangered Wildlife Trust/LJMU

Riutilizzo creativo. Burke e colleghi hanno utilizzato i programmi di apprendimento automatico e i sistemi di identificazione di oggetti celesti sviluppati su una piattaforma open source - Astropy - per interpretare alcune immagini di animali fornite dai droni.

Dopo un test pilota su una mandria di vacche e alcuni uomini di una fattoria inglese, il team ha dato in pasto ai software un'ampia libreria di immagini, per insegnare ai programmi a riconoscere varie specie animali in diversi contesti di vegetazione e di paesaggio. Gli algoritmi si sono per esempio esercitati a riconoscere gli effetti della vegetazione nel bloccare il calore corporeo, e a capire quando dietro gli alberi e il fogliame si nasconde un esemplare a rischio. I programmi stanno anche imparando a compensare alcuni effetti atmosferici che potrebbero creare situazioni di incertezza nell'interpretare le immagini dei droni.

Alla prova. Il primo test sul campo del progetto è avvenuto in Sudafrica lo scorso settembre, con i conigli di fiume (Bunolagus monticularis), tra le specie di mammiferi più a rischio estinzione. Grazie ai nuovi strumenti "riciclati" si è riusciti a scorgere, nelle immagini riprese dai droni a 20 metri dal suolo, 5 nuovi esemplari: un bel successo, visto che in natura si contano circa un migliaio di questi animali.

4 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us