Scienze

Ecco il volto dell’Homo longi, il nostro (gigantesco) cugino di 146.000 anni fa

Ricostruito in digitale l'aspetto dell'Homo longi (o "uomo-drago") il cui cranio, di grandi dimensioni, è stato scoperto in Cina pochi anni fa: è il nostro parente più stretto?

Circa 150.000 anni fa, una specie di Homo dalla testa e dal corpo imponenti, conosciuta come Homo longi ("Uomo-drago") vagava per le gelide foreste della Cina settentrionale. Nonostante le sue proporzioni imponenti, l'ominide è stato recentemente identificato come una stirpe cugina dell'Homo sapiens e ora, una nuova ricostruzione del volto di quell'essere, rivela come sarebbe potuto apparire. Homo longi prende il nome dal fiume Heilong Jiang (che significa fiume del drago nero) che scorre nella provincia cinese di Harbin. Entrò per la prima volta nella documentazione paleo-archeologica nel 1933, quando un gruppo di operai edili scoprirono un teschio ben conservato mentre costruivano un ponte. Fu solo nel 2021, tuttavia, che i ricercatori si resero conto che il cranio apparteneva a una specie precedentemente sconosciuta. (per approfondire: "Uomo-drago": un nuovo parente stretto dell'Homo sapiens?).

Cugini stretti. Dalle datazioni eseguite sembrerebbe che tale Homo avesse almeno 146.000 anni e occupava l'Asia orientale in un'epoca in cui altri Homo, dai Neanderthal ai Denisoviani, occupavano regioni dell'Eurasia dove, solo più tardi, sarebbe arrivato il Sapiens. Quando venne studiato per la prima volta fu descritto come "di dimensioni enormi" e dotato di una serie di caratteristiche facciali uniche: orbite "quadrate", zigomi piatti e bassi, denti enormi. Da tutto ciò sembrerebbe che l'Homo longi sia parente un po' distante dai suoi tre ominidi più vicini. I ricercatori tuttavia, ritengono che l'"Uomo-drago" possa essere, in realtà, più strettamente imparentato con gli esseri umani moderni rispetto anche ai nostri cugini più celebri, i Neanderthal. Le ricerche per trovare le connessioni con il Sapiens sono ancora in atto. Fino ad ora, però, non avevamo mai visto bene il volto di questo nostro enorme parente.

La complessa ricostruzione. Per rappresentare le sembianze dell'antico ominide, l'esperto brasiliano Cícero Moraes, che ha realizzato altre importanti ricostruzioni facciali tra cui Hobbit e faraoni dell'antico Egitto, ha creato un modello digitale del cranio utilizzando dati e immagini forniti dagli autori dello studio del 2021. Successivamente, Moraes ha aggiunto marcatori dei tessuti molli eseguendo scansioni tomografiche computerizzate di esseri umani moderni e scimpanzé, e li ha adattati ai contorni del cranio dell'Homo longi. Ciò ha portato alla creazione di un cranio in scala di grigi "anatomicamente coerente" con i dati oggettivi e tecniche di modellazione affidabili. Poiché si è voluto destinare il risultato finale anche al grande pubblico, lo studioso ha utilizzato un "approccio artistico" aggiungendo capelli e colorazioni al modello.

 

pesante come un gorilla. Sulla base del risultato finale, risulterebbe che l'Homo longi avesse una circonferenza della testa di 65,1 centimetri. Questa misurazione gli conferisce la particolarità di avere la testa di gran lunga più grande di qualsiasi ominide conosciuto, ponendo il peso dell'essere umano estinto alla pari dei gorilla. Secondo gli esperti che hanno analizzato il cranio un paio di anni fa, le enormi dimensioni della specie potrebbero riflettere un adattamento alle temperature gelide di Harbin, che oggi raggiungono i meno 16 gradi Celsius in inverno.

6 dicembre 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us