Scienze

Ecco il volto dell’Homo longi, il nostro (gigantesco) cugino di 146.000 anni fa

Ricostruito in digitale l'aspetto dell'Homo longi (o "uomo-drago") il cui cranio, di grandi dimensioni, è stato scoperto in Cina pochi anni fa: è il nostro parente più stretto?

Circa 150.000 anni fa, una specie di Homo dalla testa e dal corpo imponenti, conosciuta come Homo longi ("Uomo-drago") vagava per le gelide foreste della Cina settentrionale. Nonostante le sue proporzioni imponenti, l'ominide è stato recentemente identificato come una stirpe cugina dell'Homo sapiens e ora, una nuova ricostruzione del volto di quell'essere, rivela come sarebbe potuto apparire. Homo longi prende il nome dal fiume Heilong Jiang (che significa fiume del drago nero) che scorre nella provincia cinese di Harbin. Entrò per la prima volta nella documentazione paleo-archeologica nel 1933, quando un gruppo di operai edili scoprirono un teschio ben conservato mentre costruivano un ponte. Fu solo nel 2021, tuttavia, che i ricercatori si resero conto che il cranio apparteneva a una specie precedentemente sconosciuta. (per approfondire: "Uomo-drago": un nuovo parente stretto dell'Homo sapiens?).

Cugini stretti. Dalle datazioni eseguite sembrerebbe che tale Homo avesse almeno 146.000 anni e occupava l'Asia orientale in un'epoca in cui altri Homo, dai Neanderthal ai Denisoviani, occupavano regioni dell'Eurasia dove, solo più tardi, sarebbe arrivato il Sapiens. Quando venne studiato per la prima volta fu descritto come "di dimensioni enormi" e dotato di una serie di caratteristiche facciali uniche: orbite "quadrate", zigomi piatti e bassi, denti enormi. Da tutto ciò sembrerebbe che l'Homo longi sia parente un po' distante dai suoi tre ominidi più vicini. I ricercatori tuttavia, ritengono che l'"Uomo-drago" possa essere, in realtà, più strettamente imparentato con gli esseri umani moderni rispetto anche ai nostri cugini più celebri, i Neanderthal. Le ricerche per trovare le connessioni con il Sapiens sono ancora in atto. Fino ad ora, però, non avevamo mai visto bene il volto di questo nostro enorme parente.

La complessa ricostruzione. Per rappresentare le sembianze dell'antico ominide, l'esperto brasiliano Cícero Moraes, che ha realizzato altre importanti ricostruzioni facciali tra cui Hobbit e faraoni dell'antico Egitto, ha creato un modello digitale del cranio utilizzando dati e immagini forniti dagli autori dello studio del 2021. Successivamente, Moraes ha aggiunto marcatori dei tessuti molli eseguendo scansioni tomografiche computerizzate di esseri umani moderni e scimpanzé, e li ha adattati ai contorni del cranio dell'Homo longi. Ciò ha portato alla creazione di un cranio in scala di grigi "anatomicamente coerente" con i dati oggettivi e tecniche di modellazione affidabili. Poiché si è voluto destinare il risultato finale anche al grande pubblico, lo studioso ha utilizzato un "approccio artistico" aggiungendo capelli e colorazioni al modello.

 

pesante come un gorilla. Sulla base del risultato finale, risulterebbe che l'Homo longi avesse una circonferenza della testa di 65,1 centimetri. Questa misurazione gli conferisce la particolarità di avere la testa di gran lunga più grande di qualsiasi ominide conosciuto, ponendo il peso dell'essere umano estinto alla pari dei gorilla. Secondo gli esperti che hanno analizzato il cranio un paio di anni fa, le enormi dimensioni della specie potrebbero riflettere un adattamento alle temperature gelide di Harbin, che oggi raggiungono i meno 16 gradi Celsius in inverno.

6 dicembre 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us