Scienze

Ecco l'interruttore della memoria

Ecco come è possibile migliorare la memoria.

Un gruppo di ricercatori americani ha creato un’apparecchiatura elettronica in grado di spegnere e accendere la memoria. L’esperimento è stato condotto con successo sui ratti.

“Se si conoscono informazioni sulla codifica neuronale della memoria è possibile ripristinarla e migliorarla”

Memoria che va e viene - L’immagine che meglio spiega la natura di questa scoperta è proprio un interruttore. Un team di ricercatori del Viterbi School of Engineering dell’University of Southern California e della Wake Forest University ha infatti sviluppato una sorta di protesi in grado di restituire la memoria di un comportamento a dei ratti indotti farmacologicamente a dimenticarlo.

Ippocampo artificiale - Nell’esperimento, pubblicato sul Journal of Neural Engineering, i ricercatori hanno insegnato ai ratti a premere una leva in cambio di una ricompensa e, contemporaneamente, hanno registrato i cambiamenti nell'attività neuronale di due aree dell'ippocampo - note come CA1 e CA3 - tramite una serie di microelettrodi. L’interazione tra queste due aree regola infatti il passaggio da una memoria da breve a una a lungo termine. I ricercatori hanno quindi bloccato l’interazione tramite la somministrazione di appositi farmaci. I ratti hanno dimenticato quanto appreso: senza ippocampo non c'è memoria a lungo termine, ma solo quella a breve termine. Ecco che entra in scena la protesi: un sistema ippocampale artificiale in grado di duplicare lo schema di interazioni fra le aree CA3 e CA1. Quando il sistema è stato attivato sui i ratti, i topolini si sono ricordati come premere una leva per ottenere la ricompensa. Lo studio dimostra, in definitiva, che quando si conoscono le informazioni sulla codifica neurale della memoria, è possibile ripristinare e migliorare i processi mnemonici e cognitivi. (pp)

Silvia Ponzio

20 giugno 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us