Scienze

Ecco il ritratto dei milanesi del 2033

Come vivranno i milanesi (e dunque in un certo modo gli italiani) tra 20 anni? Il Politecnico di Milano ha provato a immaginarlo nella mostra Semi di futuro. Tra cohousing, coworking, il downshifting, ecco il futuro sognato dal Politecnico.

Non penso mai al futuro: arriva così presto, diceva Albert Einstein. Non sembra molto d’accordo con la massima dell'illustre premio Nobel il Politecnico di Milano che ha cercato di capire come vivremo, ci muoveremo e lavoreremo tra 20 anni. Lo ha fatto con la mostra Milano 203 3- Semi di futuro alla Triennale di Milano fino al 22 dicembre realizzata per celebrare il passato, compie 150 anni, della prestigiosa università.

I curatori della mostra (Luisa Collina, Paola Trapani e Federico Bucci) hanno scelto di raccontarci il futuro attraverso le voci di 150 immaginari cittadini milanesi che descrivono come abitano e vivono, si muovono e lavorano. Nel 2033, però.

Videoarte di servizio
I milanesi del futuro ci parlano da 12 schermi touch screen dove scorrono i loro volti: toccandone uno, questi appare immediatamente sul pavimento e inizia il racconto della sua vita, mentre schizzi e immagini proiettate a terra integrano la spiegazione.

«Sono 150 ragazzi del Politecnico, studenti oggi ventenni che nel 2033 avranno 40 anni e saranno nel pieno della loro vita produttiva - spiega Paola Trapani, una delle curatrici - Gli scenari futuri di cui parlano sono stati ipotizzati tenendo conto degli studi svolti dai diversi dipartimenti del Politecnico e di altre prestigiose università straniere negli ambiti presi in considerazione dalla mostra: dai trasporti, alla robotica, alla domotica».

I milanesi della città ben governata
I neomilanesi sono divisi in 4 gruppi: i primi sono gli abitanti della “città ben governata”, dove si vive in modo solidale: impera il cohousing, il coworking. Ci si muove solo con i mezzi pubblici, una metropolitana che va casa per casa e il bike sharing. Ma che lavori si fanno? Bio robotica e controllo mentale, per esempio.

I milanesi globali
Poi ci sono gli “abitanti” delle “piattaforme globali” in stile Facebook o Amazon: «Sono gli Zuckerberg del futuro, i nuovi manager: lavorano in imprese internazionali, lavorano in modo solidale, ma sono molto individualisti» spiega ancora Paola Trapani. Volano in giro per il mondo con elitaxi e viaggi suborbitali che li portano a New York o a Sidney in 2 ore. Vivono in case super tecnologiche (per esempio un uovo di vetro sopra un palazzo del centro) dove ogni oggetto è controllato da uno smartphone.

I milanesi lenti (che in realtà è un ossimoro)
Al terzo gruppo appartengono gli SLOC, un acronimo di Small Open Local Connected. Sono quelli che hanno fatto downshifting. Cioè hanno deciso di andare a vivere in campagna per lavorare con ritmi più lenti, dedicandosi di più ai propri affetti, alla famiglia e alla loro vita personale. Sono per lo più i pensionati.

I mila-makers
Nel quarto gruppo ci sono i makers: imprenditori individualisti, ma di dimensioni locali. Sono gli artigiani del futuro e avranno la fabbrica in casa. E come tutti i 4 gruppi sono molto attenti all’ambiente.

E gli anziani?

E che ne sarà degli attuali quaranta e cinquantenni che nel 2033 avranno 60 e 70 anni? «Continueranno a vivere con le caratteristiche dei loro gruppi – ci spiega Paola Trapani - molti decideranno di tornare al loro paese di origine. Tutti avranno una vita più facile grazie a una tecnologia più semplice. E sarà maggiore il loro impegno nel sociale. Per esempio Neda, una del gruppo SLOC accompagna i bambini a scuola e il comune le dà in cambio dei punti su una tessera per la spesa».
Lo sguardo è positivo, come spiega Giovanni Azzone, rettore del Politecnico: «Si vogliono proporre scenari che rendano il futuro progettuale, in un momento di grande incertezza e pessimismo. Perché l'intenzione era di offrire un messaggio di fiducia».

Semi di Futuro. La mostra del Politecnico
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Il resto della mostra
A completare lo scenario di come saremo tra 20 anni ci sono anche oggetti che hanno precorso i tempi. Piccoli semi appunto. Sono prodotti, invenzioni e scoperte di allievi e docenti del Politecnico, che sono stati “semi di un futuro” che oggi è il nostro presente.

Milano 2033 – Semi di futuro. 150 anni del Politecnico di Milano
Fino al 22 dicembre 2013
Ingresso gratuito
La Triennale di Milano
Viale Emilio Alemagna, 6 Milano
02 724341

22 ottobre 2013 Sabina Berra
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us