Scienze

Ecco dove fa davvero freddo

Il record non è di quest’anno, ma del 2010. La Nasa tuttavia, che studia questo genere di dati ha rilasciato tale informazione solo in questi giorni attuto....

Il record non è di quest’anno, ma del 2010. La Nasa tuttavia, che studia questo genere di dati ha rilasciato tale informazione solo in questi giorni attuto. Il 10 agosto di tre anni fa è stato battuto il record della temperatura più bassa mai misurata sulla Terra: -93,2 gradi, registrato sulla dorsale di Dome Argus, sull’altopiano antartico orientale. La Nasa rileva tali informazioni da oltre 30 anni attraverso i satelliti ambientali ed in particolare attraverso gli strumenti a bordo del satellite Landsat 8. La notizia del nuovo record è stata diffusa nel corso del congresso dell’Unione geofisica americana in corso a San Francisco. Ted Scambos, capo della ricerca scientifica al National Snow and Ice Data Center di Boulder, in Colorado, ha spiegato come avviene la formazione di queste sacche superfredde. “Durante la notte australe la temperatura scende rapidamente, se i cieli restano limpidi per diversi giorni – ha spiegato il ricercatore - di seguito si crea uno strato di aria super-raffreddata presso la superficie ghiacciata, aria che è relativamente più fredda (e quindi più densa) di quella che le sta sopra. L’aria più densa tende a scivolare lungo i crinali dell’altopiano e se viene intrappolata in sacche, si raffredda ulteriormente. Il record precedente aveva visto la temperatura toccare i meno 89,2 gradi nel 1983 in prossimità della base russa Vostok nell’Antartide orientale. Per fortuna in queste aree non abita n essuno mentre chi vive in Siberia in prossimità della cittadina di Verkhoyansk deve abituarsi a temperature che in inverno scendono quasi sempre al di sotto dei 40 gradi per arrivare al record per un’area abitata di meno 67 gradi raggiunti nel 1892 e nel 1933.
11 dicembre 2013 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us