Scienze

Ecco come la tv 2.0 avrà gli odori

Il realismo dei programmi passa qui.

Secondo te anche il naso dovrebbe partecipare alla visione di un film? All'orizzonte c'è una nuova tecnologia in grado di generare potenzialmente migliaia di odori da farti annusare quando sei davanti alla tv.

“Il sistema è in grado di generare potenzialmente migliaia di odori”

Provaci ancora Sam - L'idea di associare le immagini agli odori non è nuova perché i primi esperimenti risalgono agli anni '60. La tecnica, conosciuta come “Smell-O-Vision”, consisteva in una pellicola che trasmetteva degli appositi segnali a un marchingegno che, al momento giusto, rilasciava il contenuto di una fiala - aglio, banana, menta, tabacco - fino alle poltrone del cinema attraverso un sistema di tubi. Smell-O-Vision non ebbe molto successo perché purtroppo il risultato di questo mix di odori faceva venire la nausea agli spettatori. Adesso si torna a parlare di odori collegati alla visione di film e spettacoli televisivi.

Migliaia di odori - Alcuni ricercatori dell'Università della California di San Diego, in collaborazione con l'Istituto Samsung di Tecnologia Avanzata in Corea, hanno sviluppato un prototipo in grado di generare potenzialmente migliaia di odori e che, viste le dimensioni molto compatte, potrebbe stare comodamente dietro a un televisore, se non addirittura in un cellulare. Il team, per ridurre al massimo l'ingombro dei circuiti, ha adottato un sistema a matrice X-Y, mentre gli odori provengono da una soluzione acquosa, come l'ammoniaca, conservata in un apposito scompartimento. L'essenza viene generata all'istante tramite il calore e la pressione, e rilasciata attraverso un piccolo foro che si apre al momento giusto.

Silvia Ponzio

19 giugno 2011
Tag scienza - scienze - odori - tv
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us