Scienze

E se la Terra smettesse di ruotare?

Un software simula le conseguenze di uno "stop" della Terra.

La tecnologia GIS (Geographical Information System) serve per creare modelli virtuali attraverso informazioni e dati topologici e geografici. C’è qualcuno che l’ha usata per prevedere un disastroso e, speriamo altamente improbabile futuro senza la consueta rotazione terrestre. Vediamo com’è andata.

“I mari, per effetto della forza di gravità, si concentrerebbero ai due poli”

Studio virtuale – I matematici di ArcGIS hanno sviluppato un software per elaborare modello sperimentale davvero ai confini della realtà. Si sono chiesti: come sarebbe lo scenario del nostro pianeta se, per qualche strana causa, perdesse la sua consueta rotazione intorno all’asse? Le mappe geografiche virtuali hanno tracciato un panorama a dir poco singolare.

Mare ai confini - Innanzitutto l’unica forza fisica presente sul nostro pianeta, una volta esaurita la rotazione che procede da migliaia di anni, rimarrebbe la forza di gravità. Tale forza è maggiore nelle zone polari, ovvero nelle aree vicine al Polo Nord e al Polo Sud. Per effetto della gravità le enormi masse d’acqua di mari e oceani si concentrerebbero quindi a Nord e Sud del pianeta. Gli effetti sarebbero disastrosi: la Siberia, la Terra del Fuoco e parte del Nord America sarebbero sommerse e, al contempo, si creerebbe un immenso deserto nella zona compresa tra i due tropici, con una ancor più arida e invivibile area in prossimità dell’Equatore.

Una lunga giornata – In caso di una decelerazione della rotazione della Terra intorno al proprio asse, in maniera progressiva fino alla “stasi” del pianeta, si produrrebbero anche altri effetti disastrosi. Infatti la Terra continuerebbe a ruotare intorno al Sole, come gli altri corpi celesti del Sistema Solare. E quale sarebbe il risultato? La lunghezza dell’anno rimarrebbe di 365 giorni l’anno, con la differenza che, al fantomatico stop, un solo giorno, durerebbe quanto… un anno.

28 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us