Scienze

È morto l'astrofisico Giovanni Bignami

Scienziato e divulgatore, ex presidente dell'Agenzia spaziale italiana e dell'Istituto nazionale di astrofisica, Giovanni Bignami aveva 73 anni.

L'astrofisico Giovanni Bignami, noto divulgatore scientifico, è morto oggi a Madrid, colpito da un malore. Era nato 73 anni fa a Desio (MB). Si era laureato in Fisica all'Università di Milano, e aveva inziato immediatamente la ricerca e la carriera universitaria. Nel suo lungo percorso accademico era stato prima docente di Fisica, poi direttore scientifico e presidente dell'Agenzia Spaziale Italiana (ASI) dal 2007 al 2008 e infine dell'INAF, Istituto Nazionale di Astrofisica dal 2011 al 2015.

Era noto per la sua instancabile attività di divulgatore scientifico: ha scritto numerosi libri, collaborava con diverse riviste e la sua partecipazione alle trasmissioni di Piero Angela erano una costante di anno in anno.

Nel 2006 era stato insignito della Legione d'Onore per meriti scientifici; dieci anni dopo il Presidente della Repubblica lo aveva nominato Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

La sua eredità scientifica si concentra soprattutto nello studio dell'Universo ai raggi X e con i radiotelescopi: era stato “Principal Investigator” di uno degli strumenti del telescopio spaziale dell'ESA XMM-Newton e di recente faceva parte del board di SKA (Square Kilometre Array) un progetto internazionale il cui obiettivo è costruire il più grande radiotelescopio in due siti, Australia e Sudafrica.

Geminga, la stella che non c'è. Era noto anche per le sue lunghe ricerche su Geminga, la prima stella di neutroni senza emissione radio a cui ha dato il nome (la stella che non c'è, in milanese), e gli era stato dedicato l’asteroide 6852 Nannibignami scoperto nel 1985.

Di particolare importanza è stata la sua capacità di dirigere la ricerca scientifica in modo da incentivare il trasferimento tecnologico dei risultati

Durante il suo servizio in ASI, Bignami ha supportato e creato organi dedicati al trasferimento tecnologico della ricerca spaziale. Due sono stati i programmi in ASI che hanno generato la maggior ricaduta tecnologica sulle aziende italiane: il programma di piccole missioni scientifiche (come la missione AGILE che si è svolta sotto la sua presidenza) e lo studio, in collaborazione con Carlo Rubbia di un nuovo tipo di propulsione. In entrambi i casi, nuovi brevetti sono stati ottenuti da aziende italiane e da ASI stessa.

25 maggio 2017
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us