Scienze

I detriti dello tsunami giapponese

18 mesi dopo lo spaventoso tsunami del 2011 in Giappone i primi detriti arrivano alle Hawaii.

La quantità di detriti galleggianti nei mari di tutto il mondo cresce in modo esponenziale: è ancora difficile seguire la navigazione dei detriti, e questo è uno dei motivi che non ci permettono di valutare fino in fondo il loro impatto sull'ambiente.

Tra i nuovi strumenti messi a punto dopo lo tsunami del Giappone del 2011, il modello sviluppato da Nikolai Maximento e Jan Hafner (ricercatori dell'International Pacific Research Center) ha permesso di seguire più da vicino gli effetti delle correnti marine e del vento sui materiali galleggianti che hanno invaso l'Oceano Pacifico.

tsunami, terremoti, terremoto 2011, giappone 2011
Detriti arenati su diverse coste del Pacifico.

I due ricercatori hanno tracciato quali sarebbero potuti essere i percorsi dei detriti facendo riferimento al modo con il quale alcune boe collegate ai satelliti si muovono alla deriva e sui dati dei venti raccolti nel tempo.

A tre anni dal maremoto i modelli sono stati profondamente modificati grazie a quanto si è potuto ricavare dal reale movimento dei detriti, che comprendevano di tutto, dai frigoriferi di casa a intere barche, come testimoniato anche dai marinai della nave scuola russa Pallada.

Dopo un viaggio di molti mesi, i primi detriti sono arrivati sulle coste americane: Oregon, Washington, Alaska, isole Hawaii... Il materiale che per primo si è arenato su una spiaggia è arrivato proprio alle Hawaii, circa un anno e mezzo dopo lo tsunami: boe, piccole barche da pesca, suppellettili di casa. Circa sei mesi dopo iniziò ad arrivare il materiale legnoso, meno "galleggiante": analisi eseguite da botanici hanno permesso di stabilire che gran parte del materiale in legno era tratto da un cipresso endemico del Giappone, e in qualche caso si riuscì anche a stabilire quando il legno era stato tagliato.

28 febbraio 2014 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us