Scienze

I detriti dello tsunami giapponese

18 mesi dopo lo spaventoso tsunami del 2011 in Giappone i primi detriti arrivano alle Hawaii.

La quantità di detriti galleggianti nei mari di tutto il mondo cresce in modo esponenziale: è ancora difficile seguire la navigazione dei detriti, e questo è uno dei motivi che non ci permettono di valutare fino in fondo il loro impatto sull'ambiente.

Tra i nuovi strumenti messi a punto dopo lo tsunami del Giappone del 2011, il modello sviluppato da Nikolai Maximento e Jan Hafner (ricercatori dell'International Pacific Research Center) ha permesso di seguire più da vicino gli effetti delle correnti marine e del vento sui materiali galleggianti che hanno invaso l'Oceano Pacifico.

tsunami, terremoti, terremoto 2011, giappone 2011
Detriti arenati su diverse coste del Pacifico.

I due ricercatori hanno tracciato quali sarebbero potuti essere i percorsi dei detriti facendo riferimento al modo con il quale alcune boe collegate ai satelliti si muovono alla deriva e sui dati dei venti raccolti nel tempo.

A tre anni dal maremoto i modelli sono stati profondamente modificati grazie a quanto si è potuto ricavare dal reale movimento dei detriti, che comprendevano di tutto, dai frigoriferi di casa a intere barche, come testimoniato anche dai marinai della nave scuola russa Pallada.

Dopo un viaggio di molti mesi, i primi detriti sono arrivati sulle coste americane: Oregon, Washington, Alaska, isole Hawaii... Il materiale che per primo si è arenato su una spiaggia è arrivato proprio alle Hawaii, circa un anno e mezzo dopo lo tsunami: boe, piccole barche da pesca, suppellettili di casa. Circa sei mesi dopo iniziò ad arrivare il materiale legnoso, meno "galleggiante": analisi eseguite da botanici hanno permesso di stabilire che gran parte del materiale in legno era tratto da un cipresso endemico del Giappone, e in qualche caso si riuscì anche a stabilire quando il legno era stato tagliato.

28 febbraio 2014 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us