Scienze

Dove bolle il pianeta

L'ondata di calore che ha colpito l'Italia è un "fenomeno locale" o riguarda l'intero pianeta?

Ormai si sono spesi tutti gli aggettivi per dire quanto sia caldo questo luglio 2015, È solo l’Italia in queste condizioni o è il pianeta intero che sta bruciando? Per rispondere a questa domanda analizziamo le mappe di Climate Reanalyzer.

Le temperature. L'immagine 1 (qui sotto: cliccate sulle immagini per ingrandirle) mostra le aree del pianeta con le relative temperature medie a 2 metri dal suolo, alla data del 20 luglio 2015. In basso, nella legenda, la scala delle temperature (Fahrenheit in alto, centigradi in basso) e i relativi colori. A colpo d'occhio si vede la zona centrale, molto estesa in particolare verso nord (mentre al sud è inverno), con temperature superiori ai 30 °C.

Immagine 1 (vedi testo) © climate reanalyzer

L'elaborazione mostra un pianeta caldo, ma l'informazione sarebbe fuorviante se non la si confrontasse con una serie storica di temperature, per capire se e quanto i valori si discostano dalle medie di lungo periodo. Troviamo le risposte nell'immagine 2.

Immagine 2 (vedi testo) © climate reanalyzer

L'immagine 2 illustra lo scostamento dai valori medi delle temperature del "20 luglio" tra il 2015 e la serie degli anni dal 1979 al 2000. È impressionante vedere in quante zone della Terra siano state registrate temperature anche di 4 °C sopra alla media.

Non ci sono solamente l'Italia (quasi l'intero Mediterraneo) e parte dell’Europa, ma anche il nord est della Russia e l’est della Cina e - verso nord - fino ai mari polari, dove si registrano temperature anche di 6 °C sopra alle medie, incluse anche alcune aree a nord della Groenlandia.

Ci sono, è vero, zone dove le temperature sono inferiori alle medie anche di 6 °C, come le terre attorno al Mar Caspio, a nord del Canada e in Alaska (dove fino al mese di giugno si prendeva invece il sole in costume). Il confronto, insomma, mostra una prevalenza di "caldo" ma non è ancora sufficiente per dire che "il pianeta brucia".

Mari bollenti. L'immagine 3 mostra la media delle temperature superficiali dei mari (19 luglio 2015). Caldissime sono le aree dell’Oceano Pacifico in prossimità dell’America Centrale (un segno della presenza di El Nino) e l’Oceano Atlantico orientale. E il Mediterraneo scotta, con temperature ovunque superiori ai 25 °C: molto probabilmente tutto il calore del nostro mare si "scaricherà" in violenti nubifragi quando la situazione meteorologica cambierà.

Immagine 3 (Vedi testo) © climate reanalyzer

Vedi anche

20 luglio 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us