Scienze

Doomsday clock, due minuti e mezzo alla mezzanotte

L'Orologio simbolico dell'Apocalisse spostato in avanti di 30 secondi. Tra le ragioni, oltre alle "solite note", la diffusione di bufale scientifiche e la delegittimazione dell'autorità scientifica.

La corsa agli armamenti nucleari, i cambiamenti climatici, la messa in discussione di fatti scientifici e la diffusione delle fake news, insieme alle derive populiste di molti discorsi politici, hanno convinto gli scienziati che amministrano il Doomsday Clock (l'Orologio dell'Apocalisse) a spostare le sue simboliche lancette 30 secondi in avanti.

Alla fine del mondo mancano perciò adesso 2 minuti e mezzo, secondo quanto comunicato il 26 gennaio dal Bulletin of the Atomic Scientists, rivista che tratta temi legati alla sicurezza globale e alla politica internazionale, pubblicata senza interruzioni dal 1947, in risposta ai bombardamenti nucleari di Hiroshima e Nagasaki.

Se tutto è un'opinione. Il nuovo scatto in avanti, che ha portato le "lancette" al livello di allerta più alto dal 1953 (quando USA e URSS erano in piena Guerra Fredda), aggiunge alle canoniche preoccupazioni internazionali - conflitti, instabilità politica, test nucleari, cambiamenti climatici - anche la diffusa delegittimazione dell'autorità scientifica, che avanza di pari passo con la propagazione delle notizie false, alle quali si dà sempre più credito, anche in sede istituzionale.

L'accento va in particolare sui cambiamenti climatici e sulla convinzione che questi possano essere agitati come bandiera politica, anziché essere accettati come dato di fatto e motivo di coesione internazionale per mitigarne le conseguenze.

Uno spiraglio. Tradizionalmente le lancette virtuali dell'orologio della fine del mondo vengono spostate di intervalli di un minuto, mentre questa volta il salto è stato di 30 secondi: la decisione, dicono gli scienziati, dipende dal fatto che "le parole contano". La speranza è che le dichiarazioni populiste di Donald Trump, Vladimir Putin e altri leader mondiali, anche europei, non riflettano, nei fatti, un significativo cambio di marcia (in negativo) sulle politiche ambientali.

27 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us