Scienze

I dinosauri vivevano nell'Artico per tutto l'anno

La scoperta in Alaska dei fossili di dinosauri vicini alla schiusa o appena nati contrasta con l'ipotesi che l'Artico fosse un luogo ostile a questi animali.

L'Artico con i suoi mesi invernali di buio, le temperature prossime allo zero e la scarsità di risorse non era un luogo invivibile per i dinosauri, che in quell'habitat addirittura nidificavano, covavano e allevavano i piccoli. La presenza di fossili di dinosauri nell'Artico è nota da 70 anni, ma era finora considerata transitoria, frutto di migrazioni stagionali. Ora però la scoperta dei resti di baby dinosauri morti prima della schiusa o subito dopo dimostra che l'Artico era occupato stabilmente, e che i dinosauri dovevano avere strategie collaudate per sopravvivere a quelle temperature.

Un asilo nell'estremo nord. Patrick Druckenmiller, paleontologo del Museo del Nord dell'Università dell'Alaska, ha riportato alla luce insieme ai colleghi centinaia di microscopici fossili di ossa e di denti di dinosauro di 1-2 millimetri di grandezza nella Formazione Prince Creek, Alaska settentrionale: il luogo più a nord dove siano mai stati ritrovati resti di dinosauri. I risultati di 10 anni di scavi sono descritti in un articolo su Current Biology.

I fossili, che risalgono a 70 milioni di anni fa, includono i resti di piccoli di dinosauri attorno all'età della schiusa o ancora nel guscio, e appartengono ad almeno sette specie di diverse dimensioni, inclusi i dinosauri dal becco d'anatra, i ceratopi, dinosauri dotati di corna, e i tirannosauri. Non era dunque soltanto una specie, a nidificare nell'Artico.

Nessuna migrazione. Secondo gli scienziati, il periodo di incubazione delle uova doveva durare circa cinque mesi: supponendo che iniziasse in primavera, quando l'Artico del Cretaceo, più libero dai ghiacci, si ricopriva di vegetazione, le uova dovevano schiudersi poco prima dell'inverno. Non è pensabile che i piccoli dinosauri affrontassero allora una lunga migrazione, verso latitudini più favorevoli. Al buio, con temperature anche sotto lo zero e pochissime risorse, non sarebbero sopravvissuti a un viaggio minimo di 3000 km, necessario per cambiare del tutto paesaggio. Questi animali erano dunque artici a tutti gli effetti, e per tutto l'arco dell'anno.

Un metabolismo autonomo? Settanta milioni di anni fa questo angolo di Alaska ospitava foreste di conifere, ma a causa della tettonica delle placche si trovava 10 gradi più a nord rispetto a oggi. Durante l'inverno attraversava 120 giorni di buio costante, e la temperatura annuale media superava appena i 6 °C.

Come sopravvivevano i dinosauri, in queste difficili condizioni? Può darsi che i più piccoli andassero in ibernazione, e che gli erbivori più grossi tirassero avanti con i muschi, le cortecce e quel poco altro di vegetazione invernale.

Le piume offrivano un po' di protezione, ma un'altra ipotesi suggestiva, un'idea di lungo corso non approfondita nello studio, è che almeno alcuni dinosauri fossero animali a sangue caldo, e regolassero da soli la propria temperatura corporea.

9 agosto 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us