Scienze

I dinosauri giganti sono molto più antichi del previsto

Il fossile di una nuova specie vissuta 200 milioni di anni fa appartiene a un esemplare che doveva raggiungere le 10 tonnellate di peso: tre volte più imponente del più grande dinosauro della sua stessa epoca noto finora.

I dinosauri giganti non furono una prerogativa del Giurassico: i resti rinvenuti in Argentina di una specie finora sconosciuta dimostrano che queste creature sviluppavano dimensioni colossali per difendersi dai predatori già nel tardo Triassico, almeno 200 milioni di anni fa. Le ossa fossili ritrovate nella formazione Balde de Leyes, una sorta di primitiva savana a circa 1.100 km da Buenos Aires, appartengono a un colossale erbivoro vissuto attorno ai 205 milioni di anni fa, un giovane lungo 6-7 metri e pesante 10 tonnellate (quanto due o tre elefanti africani).

Gli esemplari adulti di questa specie, ribattezzata Ingentia prima (il primo gigante, in latino), dovevano raggiungere i 10 metri di lunghezza: erano sauropodi dal collo e dalla coda lunga, simili nell'aspetto, ma in dimensioni ridotte, al Diplodocus, che sarebbe apparso sulla scena quasi 50 milioni di anni più tardi.

Gli scavi nel sito di Balde de Leyes, dove a partire dal 2001 sono venuti alla luce i fossili di centinaia di esemplari. © Cecilia Apaldetti via BBC news

Tutto relativo. Sebbene la specie impallidisca davanti al Patagotitan mayorum, il più grande dinosauro terrestre che visse nel Cretaceo, 101 milioni di anni fa, e che poteva raggiungere i 36 metri di lunghezza, l'Ingentia prima era tre volte più imponente del più grande dinosauro della sua stessa epoca di cui fossimo a conoscenza.

Le dimensioni sono state dedotte da una manciata di vertebre dal collo alla coda, nonché da resti ossei delle zampe anteriori e posteriori. Il dinosauro attraversava periodi stagionali di crescita accelerata, con un accumulo di tessuto osseo molto più rapido rispetto alle specie contemporanee. Le cavità presenti nelle sue ossa le rendevano più leggere e capaci di un rapido sviluppo.

Antichi colossi. La scoperta descritta su Nature Ecology & Evolution è stata una sorpresa, per i paleontologi: era comune opinione che il gigantismo si fosse diffuso durante il Giurassico, attorno a 180 milioni di anni fa, per poi esprimersi al massimo nel Cretaceo (manifestandosi in modo più evidente nei titanosauri). Il team della San Juan University (Argentina) che ha scoperto la nuova specie, stava studiando l'evoluzione dei dinosauri del Triassico, il periodo in cui queste creature iniziarono ad apparire, in taglie per lo più contenute. L'Ingentia fu la prima specie nota a esprimere i tratti del gigantismo.

17 luglio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us