Scienze

Perché 133 milioni di anni fa la Terra si raffreddò così tanto?

L'anidride carbonica ha sempre avuto effetti sul clima del Pianeta: nel basso Cretaceo la sua diminuzione fece calare la temperatura media globale.

Nel corso della storia della Terra sono avvenute diverse variazioni di temperatura dell'atmosfera, anche molto drastiche (almeno dal punto di vista di noi umani!), che hanno interessato periodi geologici più o meno lunghi. Una importante variazioni di temperatura si ebbe 133 milioni di anni fa, quando la Terra si raffreddò notevolmente in corrispondenza di un evento climatico, ancora oggi in fase di studio, conosciuto come "evento Weissert" (dal nome di chi per primo lo mise in luce).

Il periodo di freddo durò circa 700.000 anni e di recente è stato nuovamente studiato da un gruppo di ricercatori internazionale, guidato da Thomas Wagner, del Lyell Center dell'Università di Heriot-Watt. Si tratta di una dettagliata ricerca per scoprire cosa causò tale evento, i cui risultati sono pubblicati su Nature Communications. Lo studio rileva che anche quel cambiamento climatico è da imputare all'anidride carbonica, i cui livelli in atmosfera crollarono drasticamente.

C'è un collegamento. Spiega Liyenne Cavalheiro, dell'Università degli Studi di Milano: «Il collegamento tra clima e anidride carbonica era già stato avanzato nel passato, ma ora grazie a modelli d'avanguardia e a nuove valutazioni di dati geologici è stato possibile capire che si ebbe un abbassamento del 40 per cento dell'anidride carbonica che vi era allora nell'atmosfera».

Mappa paleogeografica
Una mappa che mostra i punti in cui sono state eseguite le analisi che hanno consentito di risalire alle temperature durante due periodi geologici chiamati Valanginiano e Hauteriviano, tra 133 e 132 milioni di anni fa. © Liyenne Cavalheiro et al.

I lavori si sono concentrati sui fondali che si trovano di fronte ad alcune zone dell'Antartide. Qui sono stati analizzati i sedimenti che si depositarono nel periodo geologico chiamato Valanginiano (una delle 6 età in cui è diviso il Cretaceo inferiore), circa 133 milioni di anni fa: le analisi ci dicono che le temperature precipitarono a livello globale di circa 4 gradi centigradi.

Più ai poli che altrove. È possibile che in quest'area, a causa di un fenomeno noto come "amplificazione polare", la diminuzione delle temperature sia stata superiore rispetto alle aree subtropicali, dove invece erano diminuite di circa 3 °C. «È proprio questo calo della temperatura che ci fa dire che la quantità di anidride carbonica precipitò di circa il 40 per cento: un fenomeno che può aver causato un aumento molto importante dei ghiacci ai poli e, conseguentemente, una diminuzione delle temperature a livello globale», ha sottolineato Sebastian Steinig dell'Università di Bristol.

Che cosa ha determinato il crollo del livello di anidride carbonica in atmosfera? La causa non è certa, ma potrebbe essere legata a fenomeni di vulcanismo molto intenso, che possono avere prodotto una serie di reazioni chimiche organiche e inorganiche che comportarono una forte riduzione della CO2.

 Si tratta di una testimonianza ulteriore di quanto sia importante questo gas serra nell'equilibrio della temperatura del nostro Pianeta.

28 novembre 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us