Scienze

Diapausa: quando l'embrione va in stand-by

Comprendere ciò che accade con la diapausa, ossia quando gli animali tengono una gravidanza in stand-by, può aiutare nella ricerca contro il cancro.

Oggi si conoscono almeno 130 specie di mammiferi capaci di mettere in pausa la gravidanza: il letargo embrionale (chiamato diapausa) deve avvenire molto presto, quando l'embrione è un minuscolo ammasso di non più di un'ottantina di cellule. La diapausa è una condizione di stasi quasi totale che può durare da giorni a mesi: i visoni, per esempio, si accoppiano all'inizio di marzo, ma possono bloccare lo sviluppo dell'embrione per due o tre settimane, fin quando le giornate si allungano e il clima si fa più mite, al giro di boa dell'equinozio di primavera. Il record è di un piccolo marsupiale australiano, il wallaby tammar (Macropus eugenii), che può congelare la sua gravidanza fino a undici mesi.

A chi giova e quanto. Gli animali entrano in questa condizione, che può essere obbligata (tutte le gravidanze della specie) o facoltativa, principalmente per un motivo: separare il momento della fecondazione da quello del parto, permettendo al nascituro di venire alla luce nelle migliori condizioni possibili.

Secondo gli esperti, comprendere il funzionamento di questo meccanismo sarebbe per noi molto importante, perché potrebbe aiutarci nella ricerca sulle cellule staminali embrionali (estratte per la prima volta nel 1981 proprio da un embrione in diapausa di un topo), in particolare per nuovi trattamenti contro il cancro. In sintesi, l'idea è che il meccanismo che impedisce la divisione cellulare nel feto in diapausa possa impedire la proliferazione cellulare di un tumore; e c'è anche chi ritiene che in quel piccolo grumo di cellule in stasi si possano identificare i marcatori delle cellule staminali tumorali, considerate responsabili delle metastasi.

19 gennaio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us