Scienze

Decomposizione: puntuali come un orologio, in un corpo morto appaiono sempre gli stessi microrganismi

Una rete di microrganismi spazzini agisce sui corpi dopo la morte sempre con gli stessi tempi: un valido indizio per determinare il momento del decesso.

Determinare l'ora del decesso è un compito molto arduo, per chi si occupa di indagini forensi. Un aiuto potrebbe arrivare dall'unica costante che accomuna le varie scene del crimine: non le impronte digitali e nemmeno le tracce di sangue, bensì i microrganismi che iniziano a colonizzare il corpo dopo la morte.

In base a uno studio pubblicato su Nature Microbiology, ad attivarsi infatti è sempre la stessa rete di microscopici spazzini: una ventina di funghi e batteri che agiscono con tempi e modalità sempre uguali, a prescindere dal luogo e dalla stagione del decesso.

Una rete davvero universale? L'idea che i microrganismi decompositori si attivino secondo una tabella di marcia in gran parte prevedibile era già stata avanzata in passato, dopo alcuni studi su cadaveri umani e di topi. Meno chiaro era se questa costanza rimanesse intatta anche variando le condizioni della morte: su carcasse lasciate nel deserto o nella foresta, su corpi morti in estate o inverno, su resti lasciati decomporre in tranquillità o invece attaccati da animali necrofagi.

Ultimo dono. Il team di scienziati guidato da Jessica Metcalf e Zachary Burcham, esperti di ecologia microbica della Colorado State University, ha seguito le prime tre settimane di decomposizione di 36 corpi umani donati alla scienza in tre diverse strutture all'aperto adibite a questo scopo, in Colorado, Texas e Tennessee. Il processo è stato studiato nelle quattro diverse stagioni, considerando che le tre strutture si trovano anche in diverse fasce climatiche (nella steppa semi-arida, quella in Colorado, e nella foresta temperata le altre due).

A ognuno il suo compito. Indipendentemente da tutte queste variabili, il team ha identificato sempre gli stessi 20 microrganismi decompositori in tutti i corpi e nel suolo in cui riposavano, che si sono mostrati secondo tempi e... sinergie prevedibili a prescindere, per esempio, dalle condizioni di temperatura e umidità. Analizzando i "necrobiomi" di corpi e terreno, gli scienziati hanno mappato questa rete di interazioni, individuando così una sorta di catena di montaggio della digestione e del riciclo di alcuni componenti. Per esempio i funghi Candida e Yarrowia aiutano a scomporre lipidi e proteine in composti più semplici, come acidi grassi e amminoacidi, e lavorano a braccetto con il batterio Oblitimonas alkaliphila, che si nutre di ciò che i due funghi filtrano.

Richiamati sul posto. Poiché questa brigata di spazzini non si trova comunemente nel suolo, e neppure sulla pelle o nell'intestino umano, gli scienziati sospettano che i microrganismi decompositori arrivino fino ai corpi attraverso alcuni insetti che ne sono attratti, come la mosca carnaria (Sarcophaga carnaria) o gli scarabei delle carogne (fam.

Silphidae).

Un orologio molto preciso. Infine, elaborando i dati raccolti con sistemi di machine learning, è stato possibile risalire al giorno della morte dei deceduti basandosi sui tempi dell'attività dei microrganismi studiati: il modello è riuscito a centrare il periodo di tre giorni entro i quali è avvenuta la morte (con un margine di errore che dipende, per esempio, dalla stazza del defunto, o da fattori esterni come le piogge nel luogo dove si trovava il cadavere). Queste variabili saranno studiate in futuro così da arrivare a ragionamenti e indagini ancora più accurati.

13 febbraio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us