Scienze

Dallo studio delle maree un aiuto nel monitoraggio dei grandi terremoti

Prevedere i terremoti è impossibile, ma i risultati di una ricerca giapponese aprono la strada a un nuovo tipo di monitoraggio degli eventi sismici più violenti.

L'osservazione dell'andamento delle maree potrebbe aiutare geologi e sismologi a prevedere i terremoti più grandi e devastanti, come quello di magnitudo 9 che l'11 marzo 2011 ha colpito il Giappone.
Lo sostiene Sachiko Tanaka, ricercatrice presso il National Research Institute for Earth Science and Disaster Prevention di Tsukuba (Giappone).

Se la Terra diventa suscettibile
Secondo la Tanaka, con l'avvicinarsi di un grande sisma la crosta terrestre diventa sempre più sensibile, e bastano le normali forze di marea per scatenare piccole scosse. L'analisi di questi tremori potrebbe permettere agli scienziati di prevedere terremoti di forza maggiore e potenzialmente distruttiva.
Durante l'alta marea la pressione dell'acqua sul fondo può causare spaccature nei pressi delle faglie e scatenare piccoli terremoti. Ma se le faglie sono già vicino al punto di rottura, queste microscosse possono essere la causa scatenante di eventi ben più consistenti.

A saperlo prima....
Secondo i dati raccolti dalla Tanaka in oltre 10 anni di studi, il terremoto dell'11 marzo è stato preceduto da un serie scosse causate dalle maree inziate nel 2000 e localizzate in pieno oceano, a nord est delle coste nipponiche.
Dopo il grande sisma l'area si è calmata e le scosse di marea sono scomparse. Secondo i risultati dello studio queste scosse anticipano di circa un decennio il manifestarsi dell'evento principale.
Lo studio della scienzata Giapponese ha bisogno ancora di numerose conferme e per ora non si può certo parlare dell'esistenza di un sistema di previsione dei sismi. Va però sottolineato come buona parte della comunita scientifica internazionale consideri questi risultati come i più promettenti mai ottenuti fino ad oggi in questo campo.

Tutte le bufale sulle origini del terremoto in Emilia Romagna

4 giugno 2012 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us