Scienze

Dai più antichi escrementi umani nuovi indizi sulla dieta dei Neanderthal

Scarti intestinali del Paleolitico rivelano importanti informazioni sull'alimentazione dei Neanderthal e sulla loro scomparsa.

Tracce di antichissime feci umane lasciate in una grotta spagnola 50 mila anni fa raccontano nuovi particolari sulla dieta dei Neanderthal: ai precursori dei Sapiens piaceva la carne, è vero, ma la loro alimentazione includeva anche una buona componente vegetariana, come emerge dall'analisi dei singolari reperti pubblicata sulla rivista scientifica PLOS One.

Un pregiudizio che scricchiola. Capire che cosa includessero i pasti dei Neanderthal è molto importante per gli archeologi. Un quadro completo del loro "menu" potrebbe aiutare a capire, per esempio, che cosa causò la loro estinzione. Una passata teoria - ora non più largamente condivisa - voleva che la loro dieta si basasse quasi esclusivamente sulla carne, e che anche per questo furono superati, da un punto di vista evolutivo, dai più adattabili e onnivori Sapiens.



L'analisi compiuta sul tartaro trovato sui denti dei Neanderthal aveva evidenziato come questi antenati dell'uomo si nutrissero non solo di carne, ma anche di piante arrostite sul fuoco. Ora gli studi sui loro escrementi - ritrovati nel sito medio Paleolitico di El Salt, Spagna - sembrano indicare la presenza, nel piatto dei Neanderthal, anche di piante a tubero, bacche e noci, oltre ovviamente a una buona dose di carne.

L'intestino non mente. I reperti, coproliti (fossili di feci) trovati in quel che resta di un antichissimo fuoco da campo, sono stati analizzati dagli esperti del MIT di Boston con una tecnica chiamata gascromatografia e poi con la spettrometria di massa, per isolare le varie molecole che li compongono e le rispettive quantità.

In tutti sono stati trovati dosi prevalenti di prodotti della digestione della carne, ma in uno in particolare sono stati rinvenuti composti organici riconducibili alla digestione di vegetali. La prova che il clima mite della zona dovette in qualche modo facilitare l'assunzione di alimenti diversi dalla carne. E che ciò di cui i Neanderthal si nutrivano variava in base a clima, latitudine e disponibilità stagionale.

1 luglio 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us