Creato il materiale più scuro del mondo

Arriva da un laboratorio inglese il rivestimento "più nero del nero": assorbe quasi il 100% della luce visibile ed è talmente scuro che l'occhio umano lo distingue appena.

vantablack
Vantablack, posto che riusciate a vederlo. | Surrey NanoSystems

Di fronte a questo nero, tutti gli altri neri della tavolozza - è il caso di dirlo - impallidirebbero: un team di ricercatori della NanoSystems, un'azienda del Surrey (Inghilterra) ha messo a punto un materiale incredibilmente scuro, definito "super-nero".

 

Il re del nero. Vantablack, questo il nome del prodotto in nanotubi di carbonio (ciascuno dei quali 10 mila volte più sottile di un capello umano) assorbe il 99,96% della luce visibile. È stato studiato per essere usato come rivestimento isolante per le strutture leggere e sensibili alle alte temperature, come le più delicate strumentazioni ottiche in alluminio.

 

Nanosculture in 3D: sembra arte ma è scienza
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

chi l'ha visto? La quantità di luce assorbita è tale che ciascun oggetto, se rivestito con questo materiale, scompare completamente alla vista: l'occhio umano non è più in grado di distinguerne forma e contorni. Un abisso di oscurità risucchia ogni fotone, con un effetto simile all'azione di un buco nero.

 

La sua lavorazione a basse temperature - un processo decisamente innovativo per i materiali in nanocarbonio - ha reso possibile trasferirlo su molti tipi di materiale sensibili al calore come il silicone o l'alluminio.

 

Opere d'arte in dimensioni nanometriche
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

Applicazioni. Grazie alla sua capacità di prevenire la dispersione della luce, Vantablack potrà essere utilizzato per calibrare dispositivi ottici come telecamere astronomiche, telescopi e sistemi di scanning all'infrarosso; o per rendere più sensibili le strumentazioni ottiche di terra e di cielo permettendo di captare anche gli oggetti celesti meno luminosi. Oltretutto, fa sapere la compagnia, sopporterebbe bene lo stress di un lancio e vibrazioni prolungate.

 

Il giardino dei nanofiori di cristallo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

Altre meraviglie dal nanomondo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

15 luglio 2014 | Elisabetta Intini