Scienze

Così l'uomo imparò a vedere i colori

Ricostruito il tortuoso percorso evolutivo, molecolare e genetico che portò i nostri antenati a passare da una visione notturna e bicolore alla capacità di percepire tutti i colori dell'arcobaleno.

Dopo 20 anni di lavoro, un team internazionale di scienziati è riuscito a ricostruire il percorso evolutivo che ha portato l'uomo a percepire tutti i colori dell'arcobaleno. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PLOS Genetics.

I ricercatori, guidati da Shozo Yokoyama, biologo della Emory University di Atlanta (USA), hanno finalmente aggiunto alla storia dello sviluppo delle nostre capacità visive il tassello mancante: quello che spiega come il comune antenato di uomo, gorilla e scimpanzé passò da una visione ultravioletta alla capacità di percepire la luce blu.

Un puzzle complesso. «Abbiamo tracciato tutto il percorso evolutivo, a partire da 90 milioni di anni fa, che ha portato alla visione dei colori» spiega Yokoyama «abbiamo indagato questi percorsi molecolari a livello chimico, genetico e funzionale». Studi precedenti avevano portato il team a spiegare come, tra i 45 e i 30 milioni di anni fa, un antenato comune a tutti i mammiferi placentati avesse aggiunto alla capacità di percepire la lunghezza d'onda del rosso e dell'ultravioletto, quella di vedere il verde.

Il passaggio mancante. Per spiegare la visione tricromatica dell'uomo, quella che ci permette di vedere tutti i colori dello spettro luminoso, mancava però ancora un passaggio, il più difficile: chiarire come si passò alla sensibilità per l'ultravioletto a quella per il blu. Nel 2008, Yokoyama aveva dimostrato come i lepidopi o pesci bandiera fossero passati dalla visione all'ultravioletto a quella del blu grazie a una singola mutazione genetica. Per arrivare allo stesso risultato, però, ai nostri antenati occorsero più mutazioni, e diversi milioni di anni, «probabilmente perché il loro ambiente mutò molto più lentamente» spiega il biologo.

Proteine responsabili. Il team ha scoperto che 5 classi di proteine che si trovano nei fotorecettori della retina dei mammiferi - le opsine - codificano i pigmenti per vedere nella penombra e a colori. Cambiamenti ambientali avvenuti in decine di milioni di anni avrebbero indotto piccole mutazioni nei geni che codificano queste proteine, modificando pertanto la percezione cromatica.

Un lungo percorso. 90 milioni di anni fa, i nostri antenati erano creature notturne con sensibilità all'ultravioletto e alla luce rossa; in pratica, vedevano il mondo in due colori. Nell'arco di 60 milioni di anni queste creature divennero primati con quattro classi di opsine, capaci di vedere tutta la gamma di colori dello spettro, ultravioletti esclusi.

Un ordine ben preciso. Nel mezzo, ci sono state 7 mutazioni genetiche e 5040 possibili percorsi evolutivi che hanno portato gli aminoacidi a cambiare in modo da consentire una visione tricromatica. Il team di Yokoyama li ha testati tutti, arrivando a quello giusto: «Abbiamo scoperto che ciascuna delle 7 mutazioni genetiche necessarie, presa singolarmente, non ha alcun effetto - spiega - è solo quando tutte le mutazioni si combinano in un particolare ordine che il percorso evolutivo può essere completato».

Cambiamenti ad ogni livello. In altre parole non sono stati solo i cambiamenti ambientali a guidare la selezione naturale delle proteine responsabili della visione tricromatica, ma anche l'ambiente molecolare degli animali stessi. Il passaggio dalla visione ultravioletta a quella della luce blu sarebbe stato dunque lento e graduale, con l'ultimo, delicato cambiamento avvenuto tra i 45 e i 30 milioni di anni fa.

E a proposito di colori, guarda anche:

29 dicembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us