Scienze

Così l'anidride carbonica si muove sulla Terra

Il vento fa i suoi giri, e con esso la CO2 emessa dall'uomo o da fonti naturali: una simulazione computerizzata della Nasa mostra dove vanno a finire i gas serra.

Un anno di emissioni dannose visto in tutta la sua (preoccupante) bellezza: un nuovo modello ad alta risoluzione elaborato dagli scienziati della Nasa mostra la circolazione atmosferica dell'anidride carbonica nell'arco di 12 mesi, da gennaio a dicembre 2006.

I soliti noti. Nel video si possono osservare colonne di CO2 ergersi nelle più alte concentrazioni (in giallo, arancione e rosso) dai paesi industrializzati dell'emisfero settentrionale, e diffondersi insieme ai venti al resto del globo. Si noterà che le emissioni seguono un ciclo stagionale: durante l'estate si attenuano visibilmente, grazie all'influsso benefico delle foreste del Nord America.

Una ventata d'aria fresca. Nei mesi estivi le piante, ormai cresciute, assorbono anidride carbonica e ripuliscono l'aria attraverso la fotosintesi. Le piante dell'emisfero boreale hanno maggiore influenza di quelle australi perché a nord c'è una maggiore concentrazione di terre emerse. In estate, si osservano pennacchi di CO2 salire dagli incendi in Africa e in Australia.

Riproduzione fedele. La visualizzazione è stata prodotta da un modello computerizzato chiamato GEOS-5, creato dagli scienziati del Goddard Space Flight Center della Nasa. La simulazione, chiamata "Nature Run", fa incetta di dati scientifici sulla concentrazione di gas serra naturali o antropici, e di altri parametri atmosferici riferiti a un dato periodo; e viene quindi lasciata correre, per simulare le reali condizioni in cui viviamo. Per molti anni alla Nasa l'hanno usata in versione beta. Ora è stata diffusa, in forma migliorata, all'intera comunità scientifica.

20 novembre 2014 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us