Scienze

Ma davvero avevate creduto che alcuni aerei di linea avessero infranto il muro del suono?

In questi giorni in Rete si legge che, grazie a condizioni atmosferiche favorevoli, alcuni aerei di linea hanno toccato velocità incredibili, infrangendo il muro del suono. Possibile?

Nelle ultime ore avrete letto in giro di alcuni aerei di linea che, volando su rotte transoceaniche, avrebbero raggiunto velocità incredibili, superiori ai 1.300 km/h, grazie alla presenza delle (ormai!) famose "correnti a getto", infrangendo addirittura il cosiddetto muro del suono.

Spinti da queste correnti favorevoli, gli aerei in questione hanno potuto ridurre di molto la durata prevista per i loro voli (New York - Londra in 7 ore, anziché 9) ma avrebbero anche sperimentato – come dimostrerebbero alcuni video (vedi sotto) pubblicati in Rete in queste ore – i "turbolenti" effetti legati (dicono) al superamento della velocità del suono. Ma è davvero andata così?

Volare in una corrente a getto è come correre su un nastro trasportatore

Prima di tutto: cosa sono le correnti a getto? Immaginate potenti "fiumi di vento" che scorrono ad alta quota, ad altitudini comprese tra 7 e 16 km, principalmente da ovest verso est e con velocità che possono raggiungere i 450 km/h. Questi flussi sono prodotti, per dirla in estrema sintesi, dal gradiente di temperatura della superficie terrestre (più calda vicino all'Equatore e più fredda verso i Poli) e della forza di Coriolis prodotta dalla rotazione della Terra, che spinge le masse d'aria verso est (vedi sotto).

Le velocità si sommano! Per un'aereo volare in una corrente a getto "favorevole" è un po' come quando ci mettiamo a correre su un nastro trasportatore o su una scala mobile: la nostra velocità di corsa (per esempio: 20 km/h) si aggiunge a quella del nastro trasportatore (per dire, 5 km/h) e il risultato è che, rispetto al terreno circostante, ci muoviamo a una velocità maggiore (in questo caso: 25 km/h). Così, nel caso di un aereo che voli in una corrente a getto, può accadere che ai "canonici" 850/900 km/h del velivolo si aggiungano i 2/300 km/h della corrente, producendo una velocità complessiva rispetto al suolo che può raggiungere valori inusuali, anche i 1.300 km/h di cui abbiamo sentito parlare. E che sono superiori alla famosa velocità del suono (il cui valore in realtà dipende da molti fattori, ma che, per avere un'idea, si aggira attorno ai 1.200 km/h).

Se quegli aerei non hanno infranto il muro del suono, allora perché nei video traballavano?

Dunque davvero gli aerei di linea di cui si è parlato in questi giorni sono diventati… supersonici? Hanno realmente infranto il muro del suono? Non esattamente. Per capire se un aereo ha raggiunto o addirittura superato la famosa velocità del suono, occorre considerare la sua velocità rispetto alla massa d'aria in cui sta volando (e non quella misurata rispetto alla superficie terrestre).

E anche quando vola in una corrente a getto, l'aereo rispetto all'aria si muove alla sua consueta velocità, dunque sempre attorno ai 900 km/h.

Correnti vere, ma onde d'urto... false! Ma allora quei video di aerei traballanti, in balia di fantomatiche onde d'urto? Le immagini di passeggeri terrorizzati? Quelli sono veri, ma le onde d'urto (e il muro del suono) non c'entrano nulla: si tratta semplicemente di turbolenze ben note ai piloti di linea, prodotte proprio dai movimenti d'aria connessi con le correnti a getto. Siccome gli effetti causati da queste turbolenze potrebbero avere conseguenze sulla sicurezza del volo, la loro possibile presenza sulla rotta viene segnalata ai piloti dalle autorità aeronautiche e dai servizi meteorologici.

23 febbraio 2024 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us