Scienze

Corea del Nord e Occidente uniti nello studio di un supervulcano

Il regime di Pyongyang sta collaborando con diversi scienziati occidentali per monitorare il Monte Paektu, la cui potenziale eruzione avrebbe effetti devastanti.

Nel 946 d.C. il Monte Paektu, la vetta più alta della Corea, eruttò 96 km cubi di detriti in atmosfera, una quantità di polveri 30 volte maggiore di quella che il Vesuvio aveva scagliato, nel 79 d.C., su Pompei ed Ercolano. Per i geologi, si trattò della seconda più potente eruzione vulcanica dopo quella del Monte Tambora in Indonesia, nel 1815.

Ora la montagna coreana al confine con la Cina potrebbe risvegliarsi, e la paura delle conseguenze è riuscita dove la politica ha fallito: Pyongyang ha aperto le porte ad alcuni scienziati occidentali per studiare più a fondo la struttura interna del vulcano.

Permesso interessato. Kayla Iacovino, vulcanologa dell'US Geological Survey di Menlo Park, California, insieme a James Hammond dell'Università londinese di Birkbeck, hanno collaborato con Ri Kyong-Song, dell'Amministrazione per i Terremoti di Pyongyang, per installare una rete di sei sismologi di ultima generazione fino a 60 km dalla montagna che i coreani considerano sacra: secondo la tradizione, avrebbe dato i natali al fondatore del primo regno coreano, nonché al "Caro Leader" Kim Jong-il, padre dell'attuale dittatore Kim Jong-un.

Appena in tempo. Far arrivare la strumentazione non è stato facile (i sismologi possono essere usati anche nell'individuazione di sottomarini) ma superati gli intoppi diplomatici, la strumentazione è rimasta attiva dal 2013 al 2015 - e smantellata prima degli ultimi esperimenti nucleari del regime.

Canale aperto. Le onde sismiche hanno rivelato che una parte importante della crosta potrebbe essere parzialmente fusa, anche se non ci sarebbe, al momento, una piscina di magma liquido vicino alla superficie (spesso preludio di un'eruzione). Ulteriori monitoraggi, anche in collaborazione con la Cina, dovrebbero servire a ipotizzare i tempi e le modalità di eventuali eruzioni, che potrebbero avere ripercussioni sul clima globale.

18 aprile 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us