Scienze

Confermata l’eruzione vulcanica a Santorini del 726 d.C.: ecco perché è importante

Una nave che compie perforazioni sottomarine a Santorini svela il mistero di una potente eruzione del 726 d.C, un dato che aiuta a valutare futuri rischi.

Le case bianche, il mare azzurro e l'aria pura fanno di Santorini uno dei luoghi turistici più ricercati al mondo. Ma anche per i geologi è qualcosa di unico, perché nasconde il segreto di grandi vulcani, in parte nascosti dalle acque del mare. Ora un gruppo internazionale di scienziati, guidato da Steffen Kutterolf del GEOMAR Helmholtz Center for Ocean Research di Kiel (Germania), ha scoperto prove di un'eruzione sottomarina del vulcano Kameni di cui finora non sapevamo nulla, anche se vi erano indizi della sua presenza da dati storici. Nell'articolo, pubblicato sulla rivista Nature Geoscience, i geologi descrivono depositi di pomice e cenere che fanno pensare a una violenta un'eruzione sottomarina avvenuta nel 726 d.C.

Eruzione minoica. L'attuale arcipelago si è formato dopo la devastante eruzione minoica della tarda età del bronzo, circa 3.600 anni fa, quando un vulcano eruttò grandi quantità di cenere e pomice e alla fine crollò, creando le iconiche pareti della "caldera di Santorini".

Questo però, non è stato il primo collasso della caldera nella storia di Santorini. «Al momento siamo a conoscenza di almeno cinque di questi eventi avvenuti nell'ultimo mezzo milione di anni», afferma Jonas Preine, dell'Università di Amburgo. «Come altri grandi sistemi vulcanici, Santorini attraversa cicli che alternano la formazione di una caldera e la nascita, all'interno di essa, di vulcani, che eruttano mentre la camera magmatica in profondità va a riempirsi sempre più. Quando quest'ultima è colma le eruzioni diventano più imponenti e una grande eruzione può portare alla formazione di una caldera». Ciò si verifica in genere su periodi di decine di migliaia di anni.

Fase di accumulo. Stando a quanto si ipotizzava, Santorini è attualmente in una fase di accumulo di magma e sembrerebbe ancora lontana da un altro collasso della caldera. E in questa fase non sono previste grandi eruzioni esplosive. Le nuove ricerche tuttavia, mettono in discussione questa ipotesi: un'eruzione molto violenta all'inizio dell'estate dell'anno 726 è stata rilevata e ricostruita in vari punti dai carotaggi effettuati all'interno e all'esterno della caldera.

Testimonianze storiche. Gli antichi scritti raccontano di aver visto il mare bollire "come riscaldato da una fornace incandescente". Grandi blocchi di pomice furono espulsi in quantità tale da ricoprire la superficie del mare per una vasta area e furono trasportati dal vento fino alle coste dell'Asia Minore e della Macedonia.

Si è addirittura supposto che l'improvvisa comparsa di rocce galleggianti nel Mar Egeo possa aver spinto l'imperatore Leone III di Costantinopoli, temendo il dispiacere divino, a imporre l'iconoclastia, un divieto di esporre simboli religiosi. Ma a parte questi resoconti storici, finora mancavano prove concrete di questa eruzione.

Le prove. La spedizione internazionale IODP 398 è stata realizzata da bordo della nave di perforazione JOIDES Resolution. Studi precedenti suggerivano la presenza di spessi strati di sedimenti sul fondo del mare di origine poco chiara. Questi erano stati evidenziati attraverso la creazione di deboli terremoti artificiali che permettono il rilevamento di onde sismiche che raccontano che tipo di rocce attraversano. La nuova ricerca invece, ha realizzato perforazioni fino a 300 metri di profondità dal fondo del mare ed è così che si sono raccolte le prove della massiccia eruzione sottomarina del 726 d.C.

In linea con le testimonianze. Le indagini infatti, hanno rivelato uno strato di pomice grigia e cenere, spesso fino a 40 metri, inequivocabilmente collegato ad un'unica eruzione. «Questa eruzione deve essere avvenuta in gran parte sott'acqua all'interno della caldera, poiché quasi nessun deposito dell'eruzione è stato trovato sulla terraferma», spiega Jens Karstens, geofisico marino presso GEOMAR. «Ciò è in linea con i resoconti storici dell'epoca».

Nuovi rischi? Jonas Preine sottolinea che anche se l'eruzione del 726 d.C. fu trenta volte più debole della famosa eruzione minoica non fu certo cosa da poco e le nuove conoscenze sul comportamento vulcanico di Santorini hanno implicazioni significative per valutare eventuali nuovi rischi, infatti la ricerca suggerisce che durante le prime fasi del ciclo della caldera possono verificarsi potenti eruzioni esplosive. Inoltre, i risultati evidenziano la necessità di una maggiore attenzione alle eruzioni sottomarine, che possono essere causa di violenti tsunami.

7 aprile 2024 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us