Scienze

Come sopravvisse la vita alla Terra Palla di neve?

Sotto il ghiaccio che avvolgeva il nostro Pianeta in una delle fasi climatiche più estreme (Terra Palla di neve) c'erano oasi di ossigeno che proteggevano la vita.

Tra i 720 e i 635 milioni di anni fa, la Terra si trasformò, nell'arco di poche migliaia di anni, in una gigantesca "palla di neve". Il Pianeta blu bruscamente precipitato in un paio di ere glaciali consecutive, fu avvolto da una spessa coltre di ghiaccio che ricoprì mari e continenti, formando una gabbia candida che mise a repentaglio la sopravvivenza della vita (all'epoca distribuita soprattutto negli oceani).

Rifugi per respirare. Le glaciazioni possono innescare estinzioni di massa, e la crosta di ghiaccio che ricopriva i mari impediva ogni scambio di ossigeno e luce con l'atmosfera. Eppure qualche distante antenato degli odierni animali riuscì a sopravvivere: in che modo? Secondo uno studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences, grazie alla presenza di oasi di ossigeno disseminate sotto i ghiacci.

Un indizio schiacciante. Lo studio è partito dall'analisi di alcune rocce di colore rosso formatesi durante il periodo della Terra Palla di neve (Snowball Earth), e ritrovate nell'Outback australiano, in Namibia e nella Death Valley, California. Il rosso segnala la presenza di ferro, e in particolare di ferro arrugginito: affinché la ruggine si formi sulle rocce come su un paio di vecchie forbici è però necessaria la presenza di ossigeno, la stessa condizione indispensabile alla vita. Se una roccia che all'epoca si trovava sul fondale oceanico appare arrugginita, significa che persino in quell'oceano chiuso da una morsa di ghiacci doveva esserci ossigeno.

la questione della ruggine. Quella trovata da Max Lechte, geologo della McGill University (Canada) e Malcolm Wallace, dell'Università di Melbourne (Australia), è la prima prova diretta di ambienti marini ricchi di ossigeno nella Terra Palla di neve. Già, ma senza scambi gassosi con l'atmosfera, come riuscì ad arrivare, l'ossigeno in mare?

I ricercatori hanno dissolto campioni delle rocce in soluzioni acide per analizzare la distribuzione dei diversi isotopi del ferro. Si sono così accorti che il ferro delle rocce che si trovavano in mare aperto era meno arrugginito di quello nelle rocce più vicine alla costa, dove le piattaforme glaciali continentali si protendevano verso il mare.

Encelado: un mondo-oceano sotto alla crosta di ghiaccio
Un'altra "palla-di-neve" nello Spazio: Encelado, la luna di ghiaccio di Saturno, che potrebbe anche ospitare la vita. © NASA/JPL/Space Science Institute

Bolle d'aria. Oggi sotto alle piattaforme glaciali antartiche si formano ruscelli di acqua di fusione che vanno a ossigenare l'Oceano meridionale: quest'acqua trasporta infatti con sé le bolle d'aria che erano intrappolate nei ghiacci. L'ipotesi è che qualcosa di analogo sia accaduto anche nella Terra Palla di neve: in prossimità della terraferma, le acque di fusione riuscivano ad ossigenare i mari e sostenere la vita in oceani altrimenti anossici.

Secondo gli scienziati, queste pompe di ossigeno potrebbero aver favorito sopravvivenza ed evoluzione di organismi eucarioti aerobici durante questi episodi di estrema glaciazione.

3 gennaio 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us