Come si sviluppa il cervello

Un filmato racconta come cresce il cervello tra i 5 e i 20 anni.

2004519173834_8
|

Come si sviluppa il cervello
Un filmato racconta come cresce il cervello tra i 5 e i 20 anni.

 

La maturazione del cervello tra i 5 anni (a sinistra) e i 20 (destra). In rosso le zone con maggiore materia grigia, in blu quelle con meno. Clicca qui per ingrandire la foto. © Paul Thompson, UCLA.
La maturazione del cervello tra i 5 anni (a sinistra) e i 20 (destra). In rosso le zone con maggiore materia grigia, in blu quelle con meno.
Clicca qui per ingrandire la foto. © Paul Thompson, UCLA.

 

Con oltre 100 miliardi di neuroni, il cervello dell'uomo è l'organo più sconosciuto e difficile da capire. Per questo motivo un nuovo studio appena pubblicato dalla rivista PNAS ha attirato l'attenzione di tutti i ricercatori. Nitin Gogtay per 15 anni ha sottoposto con regolarità il cervello di 13 volontari tra i 4 e i 21 anni alla risonanza magnetica. In tal modo ha potuto studiare come si sviluppa il cervello negli anni più importanti della crescita dell'uomo. Confrontando diversi cervelli e realizzando una mappa delle evoluzioni della materia grigia, i ricercatori hanno ricostruitocome cambia il nostro cervello. Le prime zone a svilupparsi sono quelle dedicate al controllo del movimento e dei sensi; seguono le aree dedicate all'interpretazione del linguaggio e all'organizzazione spaziale. Infine arriva lo sviluppo delle regioni associate al ragionamento e alle altre funzioni cosiddette superiori.

Quindici anni di sviluppo del cervello in pochi secondi. In blu le zone più povere di materia grigia.
Formato MPG, 800 Kb.
© NIMH.

Accelerate e frenate. Le ultime ricerche hanno inoltre confermato quanto si era intuito qualche tempo fa e cioè che la rapida crescita di materia grigia nei primi 18 mesi di vita è seguita da un periodo di lento declino, quando le connessioni cerebrali inutilizzate vengono eliminate a favore di connessioni più dirette. Una seconda tappa di superproduzione di materia grigia si registra poco prima della pubertà, seguita anch'essa da una fase di sfoltimento delle connessioni inutilizzate.
L'importanza dello studio - secondo molti ricercatori - risiede nel fatto che ora sappiamo con più precisione il meccanismo di crescita di un cervello normale e sarà più semplice capire come e perché si sviluppano in fase adolescenziale patologie come la schizofrenia e l'autismo.

(Notizia aggiornata al 19 maggio 2004)

 

19 maggio 2004