Scienze

La fisica della zanzara

Come fanno le zanzare a volare senza riportare danni durante i violenti temporali estivi? Grazie ad acrobazie da stuntman professionista.

Un team di scienziati del Georgia Institute of Technology è recentemente riuscito a chiarire uno dei piccoli, grandi misteri della natura: come fanno le zanzare a sopravvivere ai violenti temporali estivi senza essere schiacciate al suolo dal peso delle gocce d'acqua?

Secondo David Hu, responsabile del progetto di ricerca, questi insetti sono così leggeri da essere letteralmente inglobati dalla goccia e da cadere a terra insieme ad essa senza riportare danni. (Scopri come la zanzara ci fiuta da decine di metri di distanza)

Potere ai piccoli
«Essere piccoli, quando piove, può essere molto pericoloso», spiega Hu, «ma essere molto molto piccoli sembra essere un'ottima strategia di sopravvivenza.» La ricerca è parte di un progetto di studio finalizzato alla comprensione dei meccanismi biologici e fisici che permettono a organismi estremamente piccoli di prosperare.

Per testare la teoria i ricercatori hanno realizzato un meccanismo per investire le zanzare in volo con gocce d'acqua grandi da 2 a 50 volte l'insetto e hanno fotografato il tutto con telecamere ad alta velocità. Lo studio delle immagini ha poi permesso di scoprire che le zanzare offrono una sorta di resistenza passiva alla pioggia: quando vengono colpite da una goccia non cercano di liberarsi, ma si lasciano trascinare verso terra diventando tutt'uno con essa.

Le acrobazie della zanzara
Quando due corpi si scontrano, i danni sono causati dalla rapidissima decelerazione alla quale sono sottoposti: se un'auto sbatte contro un muro a 50 all'ora e il muro non si rompe, carrozzeria e telaio si deformano assorbendo l'energia dell'impatto. Ma se il muro è fragile e cede, l'auto lo attraversa senza riportare danni. Allo stesso modo la zanzara, lasciandosi inglobare dalla goccia di pioggia senza opporre resistenza, non ne assorbe l'energia ed esce indenne dallo scontro.

Ma schiantarsi al suolo a quasi 40 km/h insieme all'acqua per la zanzara sarebbe letale: ecco perchè, poco prima di arrivare a terra, l'insetto esce dalla trappola liquida e riprende il volo. Questa operazione, che avviene in poche frazioni di secondo, è resa possibile dalla sottile peluria idrorepellente che ricopre il corpo dell'insetto, l'ennesimo esempio di una strategia evolutiva vincente.

Ti potrebbero interessare anche:
Ritratti di insetto: le incredibili foto di Hans Vandemaele
Macrocosmo: faccia a faccia con gli insetti

8 giugno 2012 Franco Severo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us