Scienze

Il coleottero scoperto nella cacca di un rettile del Triassico

Negli escrementi di un rettile antenato dei dinosauri vissuto 230 milioni di anni fa, sono stati ritrovati i fossili di una specie di coleottero sconosciuta.

Il piccolo coleottero Triamyxa coprolithica è appena stato scoperto e già detiene un singolare primato: è la prima specie di insetto ad essere stata individuata e descritta nelle feci fossili di un vertebrato. Diversi esemplari dell'animale sono stati trovati in un eccellente stato di conservazione nella cacca di un rettile antenato dei dinosauri, probabilmente il Silesaurus opolensis, vissuto 230 milioni di anni fa. Il rinvenimento descritto su Current Biology è una conquista piuttosto importante, perché permette di capire qualcosa di più sulle relazioni tra prede e predatori del periodo Triassico (252-201 milioni di anni fa).

Il Triamyxa coprolithica. © Qvarnström et al.

Scrigni puzzolenti. Il coprolita, materia fecale fossilizzata, è una capsula del tempo un po' meno elegante dell'ambra (resina fossile), ma rispetto a essa ha un vantaggio sostanziale. I più antichi depositi di ambra conosciuti risalgono all'inizio del periodo Cretaceo, 140 milioni di anni fa. Non esistono gocce d'ambra più antiche, e questo tipo di fossile è di solito quello che garantisce le migliori condizioni di conservazione di piccoli animali come gli insetti. Anche i coproliti però non sono male: sono prodotti della digestione ripieni di tesori preziosi per i paleontologi, come piume, peli o frammenti di animali mangiucchiati. C'è soltanto un problema: a differenza dell'ambra, sono opachi.

Vedere l'impossibile. Martin Qvarnström, paleontologo dell'Università di Uppsala (Svezia), ha deciso di analizzare più da vicino alcuni coproliti rinvenuti in una miniera vicino al villaggio di Krasiejow, in Polonia, dove sono venuti alla luce anche i resti del rettile Silesaurus opolensis e di altri vertebrati del tardo Triassico. Per esplorare l'interno delle feci, il paleontologo ha utilizzato una tecnica di imaging non distruttiva tridimensionale, la microtomografia con radiazione di sincrotrone, condotta presso l'European Synchrotron Radiation Facility in Francia. Così, ha potuto visualizzare i frammenti preservati nei coproliti in 3D.

coleotteri sconosciuti. Oltre ad altri piccoli pezzi di animali sminuzzati, nei reperti sono stati trovati numerosi esemplari di coleotteri Triamyxa coprolithica, alcuni dei quali con zampine e antenne ancora intatti. Per i ricercatori non si tratta soltanto di una specie e di un genere sconosciuti, ma anche di una famiglia finora non identificata, appartenente al genere Myxophaga, un lignaggio di coleotteri che oggi vive sui tappeti algali che si formano sulla superficie dell'acqua o sulle rocce.

Il muso del Silesaurus opolensis terminava con un becco che poteva servire a raccogliere dal suolo gli avanzi del pasto e anche i piccoli insetti. © Małgorzata Czaja

Ingeriti, per sbaglio, come contorno. Su come i poveretti siano rimasti incastrati nelle feci di un rettile c'è una spiegazione piuttosto ovvia.

«Furono probabilmente ingeriti - spiega Qvarnström - e la ragione per cui riteniamo sia successo questo è che la maggior parte dei loro resti sono costituiti da frammenti e pezzi isolati. Soltanto alcuni esemplari sono quasi completi, e il motivo è che molti degli insetti furono ingoiati (interi) perché molto piccoli». In pratica, si tratterebbe di un "contorno" accidentale, perché il Silesaurus, un animale lungo due metri e pesante 15 kg, aveva forse puntato a un pasto più sostanzioso.

31 luglio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us