Scienze

Le grandi città costiere sprofondano sotto il loro stesso peso

L'innalzamento del livello dei mari non è il solo pericolo per le grandi città costiere: il terreno su cui sorgono sprofonda sotto il loro stesso peso.

L'innalzamento del livello dei mari non è l'unica minaccia con la quale devono fare i conti le città costiere: secondo un recente studio, le megalopoli costruite lungo le coste stanno sprofondando anche a causa del loro immenso peso, aggravando così ulteriormente la situazione.

questione di centimetri. Tom Parsons, geofisico dello United States Geological Survey (USGS), ha studiato la città di San Francisco, scoprendo che nel corso dei secoli si è abbassata di ben 80 millimetri - otto centimetri! Non pochi, se si tiene conto del fatto che, secondo gli esperti, su quelle coste il livello del mare si alzerà di circa 30 centimetri entro il 2050.

Parson ha fatto un censimento di tutti i palazzi di San Francisco che si trovano lungo la costa, un'area dove abitano quasi 8 milioni di persone, e ha stimato il peso complessivo degli edifici e del loro contenuto: 1,6 trilioni di kg (1 trilione equivale a mille miliardi nella cosiddetta scala corta di denominazione, in uso nei Paesi anglofoni), equivalenti - se vogliamo fare un paragone - al peso di 8,7 milioni di Boeing 747.

Secondo il ricercatore un peso del genere è sufficiente a fare flettere la litosfera, cioè l'involucro solido più esterno del pianeta, ma anche ad abbassare i livelli della faglia sulla quale poggia la città. Tra l'altro, fa notare Parsons, la stima di peso è per difetto, perchè non considera tutto ciò che è esterno agli edifici come le persone, i mezzi di trasporto e le infrastrutture.

previsioni più precise. Il modello di San Francisco, pur con le opportune modifiche, può essere esteso a tutte le città del mondo, in particolare a quelle lungo le coste, che sono maggiormente esposte al rischio di sprofondamento - mentre nelle zone continentali interne la litosfera è più spessa e rigida. Il modello è ancora grezzo e può essere arricchito da numerose variabili, come per esempio la differenza nella composizione del sottosuolo tra una zona e l'altra di una stessa megalopoli.

I primi risultati della ricerca sembrano però essere sufficientemente accurati da suggerire ai ricercatori di inserire anche il peso di una città tra le variabili di cui tenere conto nelle previsioni relative all'innalzamento delle acque. Prossimo obiettivo di Parsons è quello di arricchire il proprio lavoro con i dati provenienti da foto aeree e dai satelliti, così da rendere le misurazioni ancora più precise.

4 marzo 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us