Scienze

Cina: scoperti tessuti di seta di 8500 anni fa

La più antica testimonianza della seta è stata trovata in due tombe a Jiahu, nella provincia di Henan, nella Cina centrale.

Già 8.500 anni fa, nell'antica Cina, si producevano stoffe in seta. È quanto sostengono gli scienziati della University of Science and Technology of China in un recente studio pubblicato sulla rivista Plos One, in seguito alla scoperta di residui di proteine di seta nelle tombe situate a Jiahu, nella provincia dell'Henan. La scoperta proverebbe che la seta veniva già lavorata circa 4 mila anni prima di quanto ipotizzato finora.

Fibre di seta. Per studiare le origini della seta, i ricercatori cinesi hanno raccolto campioni di terra da tre tombe di Jiahu, il sito archeologico risalente a 9mila anni fa, dove è certo che veniva praticato l'allevamento del baco da seta, anche per il clima caldo e umido della zona, che favoriva la crescita di alberi di gelso, delle cui foglie si nutrono i bachi da seta.

In due delle tre tombe, una delle quali risalente appunto a 8.500 anni fa, le analisi hanno rilevato tracce di proteine ​​della seta, probabilmente perché gli individui sepolti in quelle tombe erano stati vestiti con abiti del prezioso tessuto. Anche le analisi degli utensili per la tessitura e degli aghi realizzati con le ossa ritrovati proverebbero che gli abitanti di Jiahu sapevano già usare le fibre di seta per cucire e tessere stoffe.

La leggenda. La seta era un bene di lusso già nel mondo antico, e tramite le rotte commerciali della leggendaria Via della Seta, arrivava dall'Oriente all'Occidente, dalla Cina a Roma. Secondo una leggenda, la nascita della bachicoltura si deve alla moglie dell'imperatore Huang Di, nella cui tazza da tè cadde un bozzolo di un baco da seta. Fu lei a scoprire che avrebbe potuto produrre un filo lungo fino a mille metri.

12 gennaio 2017 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us