Speciale
Domande e Risposte
Scienze

Come (e perché) il cibo spazzatura inganna il cervello

Eccedere con il cibo spazzatura non solo danneggia il nostro organismo, ma modifica in parte la struttura del cervello per fare aumentare il senso di fame.

Che il junk food, ovvero il cibo spazzatura, faccia male non è certo una novità. E non è solo il nome a dare un'idea molto precisa di cosa introduciamo nel nostro organismo: ci sono tanti studi che spiegano quanto sia poco salutare mangiare alimenti industriali, merendine e fast food vari, dato che hanno un alto contenuto calorico ma un basso apporto nutrizionale.

In prima persona. Ma che cosa ci succede se esageriamo con un'alimentazione di questo tipo? Se lo è domandato Chris van Tulleken, un medico inglese che, con un approccio pragmatico d'altri tempi, ha deciso di sperimentare su di sé le conseguenze di lungo periodo di un'alimentazione poco sana.

Chris si è sottoposto per 30 giorni a una dieta composta per l'80% da cibo spazzatura e ha analizzato i cambiamenti del proprio corpo e del proprio cervello dal punto di vista biochimico, metabolico e neurologico. L'esperimento è stato seguito dalla BBC, la tv pubblica britannica, che ha poi prodotto un documentario dal titolo What Are We Feeding Our Kids? (che cosa diamo da mangiare ai nostri bambini?).

Effetti collaterali. L'esperimento non è in realtà così estremo come potrebbe sembrare: una persone su cinque, nel Regno Unito, si alimenta normalmente in questo modo e secondo un recente studio la maggior parte dei bambini dei Paesi industrializzati ricava due terzi delle calorie che ingerisce da cibo industriale, con pesanti conseguenze sulla propria salute.

Gli effetti della dieta spazzatura non si sono fatti attendere: dopo pochi giorni il medico ha iniziato a soffrire di attacchi di fame che non aveva mai avuto prima, simili a piccole crisi di astinenza da cibo. E a complicare le cose ci si è messa una grave forma di stitichezza, che ne ha bloccato l'intestino per giorni.

Alla fine dei 30 giorni il fisico di Chris era devastato: il suo peso era aumentato di 6,5 kg e il suo indice di massa grassa era aumentato del 2%. Gli esami del sangue hanno evidenziavano diversi squilibri ormonali: il più grave quello dell'ormone della fame, aumentato del 30%.

connessioni cerebrali. Ma la cosa più impressionante è stato osservare come la dieta gli avesse cambiato il cervello. La risonanza magnetica ha evidenziato che alla fine dei 30 giorni si erano create nuove connessioni tra aree del cervello prima indipendenti: quell'alimentazione ha favorito la creazione di collegamenti tra le aree del cervello che controllano il meccanismo della ricompensa e quelle che controllano i comportamenti ripetitivi automatici.

In pratica, si sono creati dei link che spingono il cervello a chiedere cibo - anche quando il corpo è sazio - solo per scatenare il meccanismo della gratifica, proprio come accade alle persone con dipendenza da droga, alcol e fumo.

Il cibo industriale è dunque "progettato a tavolino" per essere appetitoso e desiderabile, ma non per saziare: più ne mangi, più ne vorresti. Sale, zucchero e aromi sono perfettamente dosati per allietare il palato, così come le consitenze. Non a caso il ricercatore, nel documentario, parla di ingegneria alimentare.

Il potere della chimica. Perché succede tutto questo? Il cibo industriale  - conclude lo studio - contiene molte sostanze chimiche i cui effetti, singoli e combinati, non sono del tutto conosciuti. Quel che è dimostrato è che chi consuma abitualmente junk food tende ad ingerire oltre 500 calorie in più al giorno rispetto a chi segue un'alimentazione sana. E gli effetti di questo tipo di alimentazione su bambini e adolescenti possono essere ancora più gravi, perché il cervello è ancora in fase di sviluppo.

18 novembre 2021 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us