Scienze

Ci si può allenare alla sinestesia

Il fenomeno che fonde e mescola gli stimoli sensoriali può essere coltivato a proprio vantaggio. Il training potrebbe aiutare a ridurre l'impatto di alcune patologie.

La sinestesia porta a percepire attraverso più sensi uno specifico stimolo sensoriale: per esempio, guardando un frutto se ne percepisce il sapore. L'esempio, abbastanza comune, suggerisce che una leggera forma di sinestesia è comune a molti, se non a tutti. Salendo di livello si scoprono sinestetici artisti di successo fino ad arrivare a persone con sindromi quali la dislessia o l'autismo: ne parliamo in dettaglio in Sinestetici si nasce o si diventa?

Questa complessa condizione neurologica ha basi genetiche? Può essere sviluppata e sfruttata a proprio vantaggio?

Le prime risposte vengono da uno studio dell'Università del Sussex (Regno Unito), che ha messo a punto un training di 9 settimane che ha permesso ai partecipanti di percepire un testo scritto in caratteri neri come se fosse composto da lettere colorate. Alcuni dei partecipanti sono giunti ad associare a una lettera uno stato d'animo: per esempio, la x alla noia e la w alla calma. Hanno cioè acquisito alcune delle capacità tipiche della sinestesia pura, che alcune stime attribuiscono a una persona su 2.000.

Effetto transitorio. La ricerca, pubblicata sulla rivista Scientific Reports, sembra dimostrare che alcuni tratti sinestetici possono emergere quando i soggetti vengono opportunamente allenati con esercizi ad hoc. Dopo tre mesi dalla fine del programma, però, gli effetti del training sono scomparsi e i 14 volontari coinvolti hanno ripreso a percepire la realtà come prima dell'esperimento. «Non abbiamo trasformato persone non-sinestetiche in individui sinestetici», precisa Nicolas Rothen, uno degli autori della ricerca, «ma dimostrato che questo fenomeno ha una componente acquisita e legata allo sviluppo individuale, e non solo genetica.»

Un aiuto in più. «Gli effetti di questo metodo, anche se provvisori, potrebbero essere uno strumento per supportare persone con problemi cognitivi», spiega Daniel Bor, un altro autore dello studio, «per esempio, i bambini che soffrono di sindrome da deficit di attenzione e iperattività o i gli adulti che iniziano ad accusare i sintomi della demenza». I ricercatori hanno anche registrato un incremento del QI (quoziente di intelligenza) in media di 12 punti, a ulteriore dimostrazione che quando il cervello viene stimolato acquisisce nuove capacità.

23 novembre 2014 Paola Grimaldi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us