Scienze

Che ne è del super iceberg di Larsen C

Quanta strada ha percorso? Si è frammentato? A tre settimane dal distacco di una colossale parte della piattaforma glaciale antartica, un aggiornamento sulla base di dati satellitari.

Il 12 luglio 2017 Larsen C, la più grande piattaforma di ghiaccio della Penisola Antartica, ha perso il 10% della sua superficie, con il distacco di un iceberg di quasi 6 mila km quadrati. Che cosa ne è stato di A-68 (così come è stato ribattezzato il mega iceberg)?

Da settimane Anna Hogg, esperta di rilevazioni polari dell'Università di Leeds, e Hilmar Gudmundsson, della British Antarctic Survey, monitorano la situazione in loco con l'aiuto del satellite Sentinel-1. I due scienziati hanno pubblicato un aggiornamento sull'evento su Nature Climate Change.

Le immagini di Sentinel-1 mostrano l'insieme di crepe in Larsen C crescere, fino al momento del distacco. Clicca per ingrandire l'immagine e avviare l'animazione. © A.E. Hogg, CPOM, University of Leeds

Mind the gap. Dal momento del distacco o calving ("partorire", in inglese) l'iceberg ha iniziato ad allontanarsi da Larsen C. Ora tra la piattaforma e il nuovo nato c'è una distanza di oltre 5 km. «Questo sembra suggerire che l'iceberg sta fluttuando nell'oceano e che non è ancorato al fondale», commenta Hogg, che comunque non esclude questa possibilità: «pensiamo che l'iceberg sia spesso circa 200 metri, e ovviamente il 90% è sott'acqua, quindi potrebbe toccare il fondale prima o poi».

Briciole. Le rilevazioni radar hanno poi mostrato 11 iceberg più piccoli attorno ad A-68, staccatisi dal mega iceberg o dalla piattaforma stessa, forse durante un momento di contatto. Uno di questi "iceberg minori" è lungo 13 km.

Instabile. Anche le crepe nella piattaforma glaciale non sono rimaste ferme. «Hanno continuato a crescere e ad estendersi - aggiunge Hogg - da quando l'iceberg si è staccato c'è stata attività continua nell'ice shelf rimanente. Sarà interessante continuare a monitorarlo».

Il destino dell'iceberg A-68 potrebbe prendere una di tre strade: potrebbe rompersi in frammenti più piccoli, essere spinto al largo dai venti o seguire le correnti.

6 agosto 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us