Scienze

Che cos'è il Dna mitocondriale

Un piccolo organello cellulare, con una manciata di geni, permette di studiare con precisione le ascendenze della nostra e di altre specie.

Tutte le più complesse cellule viventi contengono migliaia e migliaia di organelli dalla struttura piuttosto semplice, i mitocondri, che hanno la funzione di "centrale energetica" della cellula. A differenza di altri organelli cellulari, e come i cloroplasti delle piante, il mitocondrio contiene alcuni frammenti di Dna, la sostanza che registra le informazioni per sintetizzare le proteine, presente anche nel nucleo della cellula stessa.

Il Dna mitocondriale è però molto più piccolo e semplice di quello del nucleo cellulare, tanto che quello umano contiene solo 37 geni, mentre nel nucleo ce ne sono circa 23.000 mila.

I mitocondri hanno un'altra caratteristica importante: poiché sono presenti solo nelle cellule complete, non ci sono negli spermatozoi, le cellule sessuali maschili. Per questo sono trasmessi solo dalla madre. Quindi, a differenza del Dna del nucleo, durante la riproduzione il Dna del mitocondrio non va incontro a nessuna ricombinazione con la corrispondente molecola dell'altro sesso. È quindi possibile seguire la sorte dei mitocondri in un'ascendenza matrilineare.

La ricerca scientifica ha approfittato di queste peculiarità del Dna mitocondriale in una serie di studi sulle ascendenze della nostra e di altre specie.

Per esempio è stato utilizzato per stabilire che la popolazione italiana di vacca chianina ha un'origine mediorientale, ed ha accompagnato gli antichi abitanti dell'Anatolia nella loro diaspora verso la Toscana, dove sono diventati gli antenati degli Etruschi. Uno studio del Dna mitocondriale ha inoltre recentemente stabilito che il lupo italiano appartiene a un gruppo a se stante stante e che quindi può essere classificata come una sottospecie, Canis lupus italicus.

14 febbraio 2017 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us