Che cosa c’è nel bicchiere?

Il colore e il sapore di una bevanda dipendono dalle sostanze che si celano nel liquido. Eccole svelate al microscopio.

Frammenti di foglie in una tazza di tè. I vari tipi di tè derivano tutti da un’unica pianta, la Camellia sinensis, le cui foglie subiscono trattamenti diversi.

caffè La polvere per il caffè istantaneo contiene per lo più zuccheri e proteine, ma anche alcuni minerali come potassio, fosforo e magnesio, e ovviamente la caffeina.


Leggi anche: 10 cose che (forse) non sai sul caffè

energy drink I cristalli di caffeina, glucosio e vitamina C di un energy drink. Il contenuto in caffeina di una lattina equivale a una tazzina di caffè, o è poco superiore.

cola Le bolle di una cola, formate da anidride carbonica. A tappo chiuso, il gas è sciolto nel liquido per effetto dell’alta pressione, che cala quando si stappa la bottiglia, creando le bolle.


Leggi anche: La storia e i piccoli segreti delle bibite più famose

birra Una birra scura. Il colore è dovuto al tipo di malto utilizzato, che viene tostato per dare il sapore caratteristico. La gradazione alcolica è attorno al 3%.


Leggi anche: 12 cose che (forse) non sai sulla birra

soft drink Un cristallo di aspartame in una bevanda alla ciliegia. A parità di quantità, questo edulcorante ha un potere dolcificante pari a 200 volte quello del normale zucchero.


Leggi anche: La storia e i piccoli segreti delle bibite più famose

vino Un buon vino rosso, come quello nella foto, può avere un sedimento? Sì, specie se è un vino corposo. La parte solida è composta da tannini e antociani, che danno la colorazione.


Leggi anche: Come degustare il vino in 7 passi

Latte Globuli di grasso nel latte.

Frammenti di foglie in una tazza di tè. I vari tipi di tè derivano tutti da un’unica pianta, la Camellia sinensis, le cui foglie subiscono trattamenti diversi.