Scienze

Che cos'è la Città della Scienza

Fino alla sua quasi completa distruzione, nella notte tra il 4 e il 5 marzo, la Città della Scienza era un complesso scientifico museale d'eccellenza. Un vanto per Napoli e per l'Italia.

Fino alla sua quasi completa distruzione, nella notte tra il 4 e il 5 marzo, la Città della Scienza era un complesso scientifico museale d'eccellenza. Il complesso è stato realizzato a partire dall'inizio degli anni '90 tra Coroglio e Bagnoli, alla periferia ovest di Napoli. È proprio questo che lo rendeva speciale: la struttura sorge infatti nell'area un tempo occupata dalle acciaierie dell'Italsider, smantellate alla fine degli anni '80, e si presenta come esempio positivo di riconversione del territorio.

Che cos'era fino al 4 marzo 2013. I suoi padiglioni accoglievano ogni anno circa 350 mila visitatori con un planetario, una palestra della scienza (dove studiare i fenomeni naturali) e un'officina dei piccoli dove i bambini potevano imparare la scienza attraverso il gioco. C'erano poi un padiglione per le mostre temporanee, un centro congressi e numerosi uffici (inclusi quelli di un incubatore per nuove imprese tecnologiche). Infine lo Science Center: uno dei più importanti musei scientifici interattivi d'Europa, dove i visitatori potevano partecipare attivamente alle esposizioni.

Che cos'era per Napoli. Tutto ciò ha fatto sì che negli anni la cittadella, voluta dal fisico Vittorio Silvestrini, ricevesse molti premi: nel 2005 è stata considerata il miglior museo scientifico d'Europa e nel 2010 l'Eurispes l'ha inserita nell'elenco delle 100 eccellenze italiane. Tra il 2009 e il 2011 la Città della Scienza di Napoli ha vissuto una fase critica a causa di problemi di bilancio e di un contenzioso sull'erogazione dei contributi da parte della Regione Campania. Ma nel 2012 la crisi pareva finita, come sembrava testimoniare la riapertura di cantieri e progetti.

5 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us