Scienze

Che cos'è la Città della Scienza

Fino alla sua quasi completa distruzione, nella notte tra il 4 e il 5 marzo, la Città della Scienza era un complesso scientifico museale d'eccellenza. Un vanto per Napoli e per l'Italia.

Fino alla sua quasi completa distruzione, nella notte tra il 4 e il 5 marzo, la Città della Scienza era un complesso scientifico museale d'eccellenza. Il complesso è stato realizzato a partire dall'inizio degli anni '90 tra Coroglio e Bagnoli, alla periferia ovest di Napoli. È proprio questo che lo rendeva speciale: la struttura sorge infatti nell'area un tempo occupata dalle acciaierie dell'Italsider, smantellate alla fine degli anni '80, e si presenta come esempio positivo di riconversione del territorio.

Che cos'era fino al 4 marzo 2013. I suoi padiglioni accoglievano ogni anno circa 350 mila visitatori con un planetario, una palestra della scienza (dove studiare i fenomeni naturali) e un'officina dei piccoli dove i bambini potevano imparare la scienza attraverso il gioco. C'erano poi un padiglione per le mostre temporanee, un centro congressi e numerosi uffici (inclusi quelli di un incubatore per nuove imprese tecnologiche). Infine lo Science Center: uno dei più importanti musei scientifici interattivi d'Europa, dove i visitatori potevano partecipare attivamente alle esposizioni.

Che cos'era per Napoli. Tutto ciò ha fatto sì che negli anni la cittadella, voluta dal fisico Vittorio Silvestrini, ricevesse molti premi: nel 2005 è stata considerata il miglior museo scientifico d'Europa e nel 2010 l'Eurispes l'ha inserita nell'elenco delle 100 eccellenze italiane. Tra il 2009 e il 2011 la Città della Scienza di Napoli ha vissuto una fase critica a causa di problemi di bilancio e di un contenzioso sull'erogazione dei contributi da parte della Regione Campania. Ma nel 2012 la crisi pareva finita, come sembrava testimoniare la riapertura di cantieri e progetti.

5 marzo 2013 Eugenio Spagnuolo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us